Skip to main content

Il recinto elettrico è la soluzione ideale per la delimitazione degli spazi destinati al pascolo e agli animali domestici, per proteggere i campi dall’invasione di eventuali animali selvatici e per mettere al sicuro voliere e allevamenti dagli animali predatori.

La recinzione elettrificata è formata da fili metallici che vengono sostenuti da paletti ed è un sistema pratico nell’utilizzo e innocuo che impedisce agli animali di avere accesso libero a strade, fiumi e zone pericolose.

Per dotare la propria casa, il proprio terreno o il proprio giardino di una recinzione elettrificata, la prima cosa da fare è avere un’idea chiara del progetto che si vuole realizzare: solo una buona progettazione, infatti, consente di raggiungere con più facilità i propri obiettivi.

Come funziona la recinzione elettrica

Il recinto elettrico è dotato di un elettrificatore che lancia impulsi elettrici lungo i fili della recinzione, in un processo sempre costante e continuo. Nel momento in cui un animale dovesse urtare, intenzionalmente o inavvertitamente, la recinzione, il perimetro funge da interruttore chiudendo il circuito: l’elettricità si propaga contro l’animale e poi torna al recinto. In questo modo si genera una piccola scarica a bassa intensità che colpisce l’animale e gli provoca una spiacevole (ma assolutamente indolore!) scossa.

Un buon sistema di recinzione elettrico è dotato dei seguenti elementi:

  • un recinto elettrico che produce impulsi di energia in modo regolare;
  • un gruppo di fili elettrici per la recinzione che conducono la corrente;
  • un sistema di isolatori di recinto ottenuto mediante isolatori per recinto elettrico che impediscono all’energia di disseminarsi nel terreno;
  • la posa a terra del recinto elettrico.

Come installare la recinzione

Per non procedere con il fai da te e avere un’installazione professionale, il consiglio è quello di rivolgersi ad aziende specializzate per richiedere un preventivo dettagliato: i passaggi da compiere sono pochi ma fondamentali per la buona riuscita del progetto.

La prima cosa da fare per installare un recinto elettrificato è tracciare un perimetro. Se avete già una recinzione, potete sfruttare i pali di sostegno sui quali si andranno a montare i fili metallici da elettrificare, mentre nel caso si debba realizzare una recinzione elettrificata ex novo, avrete bisogno di due tipi di paletti di sostegno.

Negli angoli del recinto si installeranno dei paletti più solidi in modo tale da tenere salda la struttura e si aggiungeranno poi dei paletti che serviranno a sostenere i fili. Completata questa prima fase bisognerà installare i fili metallici, meglio se in ferro zincato, e collocare degli isolatori per i paletti e per i picchetti di sostegno, gli accessori come ad esempio cancelli, tiranti e interruttori, oltre ai cartelli di segnalazione elettrica e al parafulmine.

Durante il montaggio è consigliato l’uso di almeno quattro fili metallici posti ad altezze diverse; il primo sarà posizionato a 25 cm dal suolo, il secondo a 50 cm dal suolo, il terzo a 120 cm da terra.

L’ultimo passaggio prevede il collegamento della struttura a un elettrificatore per recinti o al generatore di corrente. A verificare che il sistema funzioni correttamente sarà un tester, che una volta collegato rileverà il passaggio della corrente lungo tutti i fili del recinto.

Se avete bisogno di maggiori informazioni, potete rivolgervi a Gemi Elettronica, un’azienda italiana che produce prodotti per recinti elettrici dal 1983 che offre consulenza tecnica gratuita via mail, telefono o chat.

Leave a Reply