Le piante grasse piacciono un po’ a tutti. Un po’ perché sono di gran moda e un po’ perché sono famose per essere piante che non hanno bisogno di particolari cure e attenzioni. Insomma, le piante perfette per i pollici neri.

Con il nome di “piante grasse” ci riferiamo a tutte quelle piante carnose e succulente che crescono in luoghi molto caldi, aridi e desertici. Sono piante che per tutta una serie di ragioni devono sopportare per periodi anche molto lunghi la completa, o parziale, mancanza d’ acqua.

E per questo sono piante che hanno una struttura molto particolare: le radici sono molto lunghe e capaci di arrivare a grandi profondità, oppure sono molto superficiali e numerose, con foglie piuttosto ridotte oppure trasformate in spine, in modo da limitare la traspirazione, con tessuti ricchi d’acqua al loro interno.

Diverse varietà di piante grasse sono coltivate anche qui, in Europa, soprattutto nei luoghi dove il caldo e il clima mediterraneo diventano l’habitat perfetto per le succulente. Pensiamo ai cactus della Sicilia, per esempio, e alle bellissime piante grasse che crescono molto bene nel clima caldo della Spagna o della Grecia.

Si coltivano in vaso, in aiuole oppure a scopo ornamentale, belle da vedere nel loro aspetto incredibilmente originale e curioso. Tra le più conosciute e apprezzate ci sono L’Aloe, l’Agave e la Sanseveria, ma le varietà di piante grasse sono davvero tante.

Si coltivano in terreni permeabili, specie se sabbiosi, e hanno bisogno di poca acqua. Si moltiplicano con una certa facilità e si chiamano grasse per il più semplice dei motivi: accumulano acqua all’interno dei loro tessuti. Una sorta di stoccaggio interno che consente a queste piante di sopravvivere.

Le famiglie sono tantissime e in realtà anche la denominazione piante grasse non è tra le più corrette; ci sono le Cactacee, le Crassulacee e le Euforbiacee, per citarne alcune.

A volte si indicano i cactus come piante succulente, ma questo è un errore a tutti gli effetti. I Cactus sono una famiglia di piante originarie dell’America, tutti i Cactus sono piante succulente, ma non tutte le piante succulente sono Cactus. Chiariti i dubbi?

Detto questo, possiamo introdurre l’argomento di oggi: le piante grasse sono piante prettamente estive o possono resistere bene anche in inverno?

Iniziamo dicendo che l”inverno, in generale, è una stagione critica per le piante da esterno. Il freddo si fa pungente, la luce è poca e le condizioni non sono ideale. Ma per quanto riguarda le piante grasse, ne esistono diverse varietà che, sarete felici di scoprire, sono molto resistenti.

Piante, quindi, che riescono a superare l’inverno molto bene.

In estate le piante grasse fiorite, quelle da esterno, sono la soluzione migliore per avere un balcone bello da vedere senza fare troppa fatica. Queste piante sono coltivate molto spesso come piante da giardino perenni e in piena terra, anche se in realtà le succulente crescono molto bene anche in vaso. Quello che conta è la giusta esposizione al sole, quindi verso sud.

Il motivo è semplice: queste piante sono dotate di particolari tessuti, chiamati parenchimi acquiferi, che permettono loro di immagazzinare diverse quantità di acqua che la pianta stessa poi decide di razionare per i lunghi periodi in base alle necessità. Ecco perché le piante grasse possono sopravvivere anche a lunghi periodi di siccità.

Ma invece quali sono invece le piante che possono sopravvivere al freddo e dunque sono perfette per l’inverno? Eccovi un bell’elenco.

1. Sedum palmeri

Sedum Palmeri, una pianta grassa che resiste al freddo.

Questa pianta cresce sulle montagne del Messico ed è presente in natura con più di 600 specie che possono proliferare anche sull’Himalaya. Il Sedum Palmeri è uno dei più classici esempi di pianta sempreverde da da esterno. Fa parte delle piante grasse pendenti e infatti la si vede molto spesso sporgere dai davanzali dei balconi… e anche per diversi metri di lunghezza!

La potete coltivare vaso oppure direttamente in giardino. Tutto quello che vi chiede è qualche ora di luce al giorno. In inverno non ha bisogno di acqua e a febbraio… fiorisce! Perfetta quindi per l’inverno e per portare un tocco verde dentro casa anche durante la stagione più fredda.

2. Agave

Sedum Palmeri, una pianta grassa resistente al freddo.

Anche l’Agave è una pianta che arriva dal Messico ed è una specie molto, molto longeva. In natura ne esistono diverse varietà e la più resistente si chiama Americana; ha delle foglie che hanno la forma di una piccola rosa e hanno un colore verde o bianco.

In vaso questa pianta non supera i tre metri di altezza e, anche qui, non è necessario annaffiarla perché si tratta di una delle piante da esterno che hanno bisogno davvero di poca acqua. Poca manutenzione, quindi, e tanta resa: questa pianta è davvero bella ed elegante!

3. Semprevivo Maggiore

Semprevivo Maggiore, una pianta grassa che resiste al freddo

Il nome è un po’ strano e questa è una pianta che forse non tutti conoscono. Si tratta di una specie decorativa da esterno molto resistente che viene utilizzata sempre più spesso in edilizia – sì, proprio così – per via delle sue sorprendenti capacità isolanti e impermeabili.

In inverno le foglie del Semprevivo Maggiore sono di colore verde, mentre in autunno diventano di colore rosso molto intenso. I fiori, invece, possono avere diverse tonalità che spaziano dal rosa al lilla. Questa pianta ama i luoghi soleggiati e i terreni ben drenati, ma in giardino cresce bene anche su pietre e rocce. Quindi se avete una buona esposizione in giardino, sì, questa pianta può fare decisamente al caso vostro.

4. Echeveria

Echeveria, una pianta grassa che resiste alle temperature più rigide.

La Echeveria è una tra le più celebri e amate piante ornamentali da esterno. Il suo nome è curioso e arriva dal pittore messicano Atanasio Echeverria, che amava questa pianta in modo particolare. Può avere colori diversi, che spaziano dal verde al grigio.

Nella stagione calda i fiori sono lunghi e molto presenti e questa è una pianta che ama il sole, ma solo d’inverno. E se la temperatura diventa troppo rigida, deve essere protetta con un telo traspirante. Molto bella ma poco indicata se cercate qualcosa che non vi porti via troppo tempo e attenzione nei confronti di una pianta grassa. Tuttavia, se sceglierete di occuparvene, non ve ne pentirete!

5. Rebutia Minuscula

La Rebutia Minuscula, una pianta grassa resistente al freddo.

La Rebutia Minuscula è riginaria del Sudamerica, ha un aspetto molto simile alle piante bonsai da esterno, una bella forma tondeggiante e non raggiunge mai grandi altezze, quindi perfetta per gli spazi più piccoli. I suoi fiori sono di colore arancio, rosso oppure giallo e la rendono la pianta perfetta per il balcone. Ma anche in questo caso, se il clima diventa troppo rigido ricordatevi di proteggere con un buon telo traspirante.

6. Cactus

Il Cactus, nella varietà Trichocereus pasacana, la più adatta a sopravvivere alla stagione fredda.

Il Cactus si trova facilmente anche in Italia con numerose specie di piante verdi da esterno. La varietà più diffusa si chiama Trichocereus pasacana ed è la più gettonata perché è la più adatta a sopravvivere alla stagione fredda: questa pianta può infatti vivere anche a temperature che raggiungono i 10 gradi sotto zero.

Ha un fusto piuttosto carnoso e ha bisogno di molta luce e di un terreno ben drenato. E poi c’è i suo più grande pregio: è una tra le piante grasse con i fiori più belli in assoluto che però, purtroppo, durano un giorno soltanto.

7. Mammillaria zeilmanniana

La Mammillaria zeilmanniana, una pianta grassa che resiste al freddo.

La Mammillaria zeilmanniana è un pianta cactacea con le sue caratteristiche specifiche. Per esempio, tende a svilupparsi in larghezza e può superare anche i 5 cm di diametro. Ha delle spine nere e bianche, motivo per il quale va maneggiata con grande cura se non volete pungervi. Come molte altre piante succulente, anche lei ha bisogno di un terreno calcareo, che sia però ricco di sostanze nutritive. In estate sarà un tripudio di colori rosa o bianchi.

8. Aloe vera

Aloe vera, una pianta robusta che resiste bene in inverno.

Nella nostra selezione non poteva mancare lei: l’Aloe vera! Si tratta di una delle piante robuste da esterno più gettonate in assoluto. Deve essere posizionata in luoghi ben luminosi, anche se è una pianta che non ama molto il sole, così come l’acqua e il gelo. Dall’aloe vera, non dimentichiamolo, si ricava una sostanza in gel rinfrescante e dalle proprietà antinfiammatorie e idratanti, molto utile dentro casa.

L’Aloe è una pianta molto simile all’agave, pur essendo una varietà diversa. Come riconoscerla dall’Agave? Semplice: l’Aloe fiorisce diverse volte nello stesso anno, mentre l’Agave ha bisogno di molto più tempo. In più, dopo la fioritura termina il suo ciclo di vita.

9. Jovibarba

Jovibarba, una pianta grassa che resiste al freddo.

La Jovibarba assomiglia molto al Semprevivo Maggiore, ma anche in questo caso si tratta di una pianta diverso. Viene considerata una tra le piante esotiche da esterno più resistenti in assoluto. E in più, si adatta perfettamente a tutti i climi e a tutte le situazioni.

Piante grasse, dove acquistare

Le piante grasse sono molto diffuse, e si trovano in tutti i garden center, nei vivai, nei grandi magazzini e addirittura nei supermercati. Naturalmente, sono disponibili anche online per chi volesse riceverle comodamente a casa.

Proprio per questo abbiamo selezionato alcune proposte “collaudate” su Amazon; potete accedere alle pagine dei prodotti cliccando direttamente i banner sottostanti ed eventualmente procedere in autonomia all’acquisto, oppure anche solo per iniziare una nuova ricerca. Enjoy!

Vi lasciamo con un aforisma di Pamela Browning sulle piante grasse che ci è piaciuto molto: ” Piene di spine, ma a volte racchiudono momenti di grande bellezza.” Non è esattamente così? 😉 

Leave a Reply