Creare una struttura di sostegno per le piante rampicanti, di qualunque specie si tratti, è solitamente un lavoro semplice e alla portata di tutti; esistono però svariati metodi per farlo, a seconda delle esigenze specifiche sia della pianta che dello spazio in cui viene coltivata.

Le rampicanti hanno bisogno di una struttura sulla quale crescere non soltanto perché il loro sviluppo lo impone, ma anche perché fiori e frutti necessitano di una buona circolazione dell’aria e del passaggio della luce solare e tale condizione sarebbe impossibile da ottenere se la pianta crescesse irradiandosi a contatto con il terreno.

Esistono molte tipologie di strutture che possono essere create, anche attraverso piccoli lavori di fai da te, per sostenere al meglio le piante di pomodoro; 5 di queste si distinguono per la loro semplicità di realizzazione e per l’efficienza.

1. Gabbia metallica

Gabbia metallica

La prima struttura che vediamo è la cosiddetta “gabbia”, un sistema che viene spesso utilizzato anche da giardinieri e coltivatori professionisti. Nei vivai o nei negozi online si possono trovare strutture prefabbricate che andranno semplicemente installate intorno alla pianta, come queste due che abbiamo trovato su Amazon e testato, e che offrono un buon rapporto qualità-prezzo. La prima ha la classica forma cilindrica:

In alternativa, un po’ più economico ma ugualmente funzionale, esiste il tutore in metallo verticale.

Ovviamente, come vedremo è molto semplice creare questa sorta di gabbia anche attraverso un piccolo lavoro di fai da te per cui non serve avere chissà che manualità. Ciò di cui abbiamo bisogno è una maglia di acciaio laminato, del semplice filo metallico (ad esempio questo) e alcuni paletti (come questi) che serviranno per mantenere la struttura in forma e per fissarla nel terreno. Si tratta di un ottimo sistema se non si hanno molte piante nell’orto, inoltre è tutto riutilizzabile e poco costoso.

2. Fasci verticali

Fasci verticali

Il fascio verticale è un sistema molto semplice, che può essere realizzato in diverse modi. La maniera più conosciuta consiste nel posizionare un palo accanto a ciascuna pianta e legare ad esso i rami più robusti; in questo modo il palo reggerà il peso e farà sì che la pianta si sviluppi in verticale.

Un altro sistema consiste nell’ unire tra loro 3 pali leggeri, realizzati, ad esempio, con le canne (se non riuscite a trovarle in nature potete acquistare queste) o i rami di nocciolo, nella parte superiore e legare ad essi la pianta con fili di rafia, una fibra particolarmente resistente e grossolana.

3. Paletti in ferro e fili

Paletti in ferro e fili

È possibile sostenere le piante di pomodoro anche utilizzando un sistema con paletti in ferro ai quali legare a diverse altezze dei fili robusti che uniranno un palo all’altro formando delle file. I fili tesi andranno collocati attorno alla pianta come vedete nell’immagine, si tratta di due corde sottili collegate attraverso i pali e passate tra le piante di pomodoro.

Questa struttura è perfetta per grandi orti e coltivazioni importanti e ha il vantaggio di essere ideale per tutte le fasi di crescita della pianta, ci basterà controllare il posizionamento della pianta tra le corde man mano che cresce.

Una soluzione piuttosto economica per i paletti è quella che potete visionare in autonomia su Amazon cliccando il banner qui sotto, selezionando anche l’altezza che fa per voi.

4. Struttura di stringhe metalliche

Struttura di stringhe metalliche

Questo sistema verticale è simile a quello utilizzato nelle serre dove delle stringhe, realizzate con spago o filo di rafia o metallico, sono collegate dalla struttura del tetto sino a terra, per poi essere legate alla pianta man mano che cresce.

Questa struttura ha il vantaggio che, una volta realizzata, durerà nel tempo e potrà essere utilizzata per sempre anche cambiando genere di coltivazione. Si tratta di una lavoro un po’ più impegnativo di quelli visti sinora ma molto efficace e duraturo.

5. Traliccio di rete metallica

Traliccio di rete metallica

Ultimo metodo, che è al contempo di semplice e veloce realizzazione e molto comodo ed efficace, è il classico traliccio realizzato con rete metallica (come questa). Basterà alloggiare nel terreno una rete di acciaio della dimensione della zona dell’orto destinata alla coltivazione dei pomodori e piantarvi accanto le nostre piante legandovi i rami nuovi.

La rete sosterrà le piante e permetterà la crescita in verticale, lasciando il giusto passaggio di aria e luce tra i rami.