Una volta il riciclo era una pratica molto comune, soprattutto per via del risparmio economico che se ne può trarre; al giorno d’oggi è diventata una necessità, specialmente allo scopo di aiutare il nostro Pianeta e l’interno ecosistema.

Anche se può sembrare pressoché inutile riutilizzare alcuni oggetti o elementi di scarto che tutti noi produciamo e abbiamo in casa, in realtà se questi processi di riciclo diventassero popolari e persistenti nella vita di tutti i risultati potrebbero davvero essere enormi.

Tra gli innumerevoli scarti della cucina, ad esempio, i gusci delle uova, che altrimenti finirebbero sprecati nella spazzatura, andando ad unirsi ai rifiuti umidi, possono essere utilizzati per molti scopi proprio nell’ambito del giardinaggio.

Le piante amano le uova, o meglio, ciò di cui i gusci sono costituiti, ossia il calcio; inoltre, per via della loro caratteristica di biodegradabilità e di assoluta naturalezza, e grazie alla loro particolare conformazione e facilità di reperimento, sono ideali per diversi utilizzi. Vediamo, quindi, come possiamo riutilizzare in giardino o nell’orto i gusci delle uova una volta mangiate!

1. Semenzai biodegradabili

gusci di uova utilizzati come semenzai

I gusci delle uova possono essere utilizzati, con ottimi risultati, come semenzai; hanno le dimensioni giuste, e scegliendo uova grandi avendo cura di utilizzare la parte larga per intero avremmo a disposizione lo spazio necessario per la prima fase di sviluppo delle piantine.

In secondo luogo sono completamente biodegradabili e disgregandosi nel terreno contribuiranno a renderlo ricco e sano apportando una sostanza molto utile.

Riempite il guscio con del buon substrato e piantate i semi che avete selezionato; tenete il semenzaio in luogo riparato sino a quando spunterà il germoglio e le piantine avranno la giusta dimensione per essere piantate a terra, ovviamente direttamente con il guscio dentro al quale sono cresciute.

2. Concime a lunga cessione

Gusci di uova utilizzati come fertilizzante a lungo rilascio

Sgretolando i gusci delle uova e inserendoli nel terreno ben mescolati, ad esempio in un’aiuola del giardino piuttosto che in un contenitore, questi si degraderanno lentamente rilasciando nel suolo il loro alto contenuto di calcio, fungendo così da fertilizzante ecologico, assolutamente biologico, decisamente economico!

3. Fertilizzante specifico

Alcune piante, come ad esempio le rose, hanno bisogno di un buon apporto di calcio. Quando i gusci sono completamente asciutti schiacciateli fino a quando non si saranno letteralmente ridotti ad una polvere liscia e sottile. Questa polvere può essere mescolata con fondi di caffè per aumentare la sua efficacia, e utilizzata come qualsiasi altro fertilizzante.

4. Rimedi naturali contro le lumache

Specialmente in piena estate gli orti sono soggetti all’attacco di alcuni parassiti o piccoli insetti, tra questi le lumache possono rappresentare un grande problema per i nostri ortaggi.

I gusci delle uova sono perfetti anche in questo caso! Rompeteli a piccoli pezzi e disperdeteli intorno alle piante che volete proteggere, le lumache non riusciranno a raggiungere foglie e frutti e avrete raggiunto lo scopo senza ricorrere all’utilizzo di fastidiosi ed inquinanti pesticidi chimici.

5. Aggiunti al compost

gusci di uova aggiunti al compost fertilizzante per il giardinaggio

I gusci delle uova possono, ovviamente, essere aggiunti al compost che si utilizza per arricchire il terreno di orti e giardini, ma hanno anche le giuste caratteristiche per essere trasformati in ottimi attivatori di decomposizione. Frullateli assieme a un po’ d’acqua e mezzo bicchiere di aceto e aggiungete questo “cocktail” al mucchio del compostaggio; lo arricchirete con la giusta dose di calcio.