Circondarsi di tante piante dentro casa è un’ottima scelta; le piante arredano, decorano, rendono l’ambiente più caldo e accogliente, ma non è solo questo. Non si tratta solo e soltanto di una scelta di tipo estetico: le piante bisogna curarle bene se vogliamo che crescano sane e rigogliose. Già, ma come fare?

O si è dei giardinieri provetti, oppure, si è spacciati. E invece no! Certo, c’è chi le piante le ama proprio tante ma, anche con tutta la buona volontà del mondo, proprio non riesce a farle morire. Se anche tu fai parte di questa categoria di persone dal pollice nero, niente paura. Ti guideremo passo per passo con consigli pratici e utili che ti aiuteranno a crescere piante belle, forti e soprattutto sane.

Per prendersi cura delle piante ci vuole innanzitutto passione. Poi certo, c’è chi è più fortunato e chi meno, chi tenta e indovina e chi ci prova e sbaglia. In ogni caso, esistono dei piccoli ma importanti accorgimenti da mettere in pratica per prendersi cura delle proprie piante da appartamento. Del resto chi sbaglia, impara!

Allora cominciamo con tutto quello che c’è da sapere e con quelli che sono i piccoli accorgimenti da mettere in pratica. Magari li conoscete già o magari, leggendo questa guida, vi accorgerete che i gesti quotidiani che credevate essere il meglio per le vostre piante, in realtà, non lo erano.

La prima cosa a cui prestare attenzione è dove posizionate le vostre piante. Non importa il tipo di pianta che scegliete, se più delicata o meno, quello che conta è sistemare le piante in un luogo dove possano ricevere una buona dose di luce. Poca luce fa crescere male le piante, le indebolisce e dona loro quell’aspetto tipicamente trasandato.

Ma non basta solo questo. Vi siete mai chiesti che tipo di ambiente è quello in cui fate crescere le vostre piante? Per esempio, il luogo, non deve essere troppo secco. Ricordate sempre che la maggior parte delle specie di piante da appartamento è di origine tropicale e ama quindi ambienti caldi e umidi.

Durante l’inverno, per via dei riscaldamenti accesi, dentro casa non ci sarà molta umidità; è opportuno quindi utilizzare degli umidificatori oppure, in alternativa, posizionare delle ciotole piene d’acqua proprio vicino alle piante.

Veniamo adesso alle correnti d’aria fredda. Alle piante fanno male, quindi cercate di non posizionare mai le piante vicino a porte e finestre. Meglio un luogo della casa in cui siano al riparo dalle correnti e ricordati che non dovete pensare solo all’aspetto estetico, ma anche al benessere della pianta.

Altra nota dolente: l’annaffiatura. Molte persone che credono che valga la regola “più acqua metto, meglio è!”. Ecco, niente di più sbagliato. Evitate di affogare letteralmente la vostra pianta mettendo troppa acqua nel vaso. Prima di procedere con un’altra annaffiatura, dovrete verificare che il terreno sia ben asciutto.

E ricordate, c’è differenza tra inverno ed estate. In inverno le piante hanno bisogno di molta meno acqua. In estate, invece, le piante avranno bisogno di più acqua, date le temperature più elevate. Insomma, tutto deve essere fatto con equilibrio.

Se è vero che non dovete inondare le vostre piante, è anche vero che non dovete mai dimenticarvi di dar loro da bere. Nessuna pianta, a meno che non si tratti di una pianta grassa, può sopravvivere lunghi periodi senza la sua dose di acqua.

Il concime, poi, è un prezioso alleato per voi. Vi aiuta a favorire il benessere delle pianta e ad aggiungere quegli importanti elementi nutritivi di cui la pianta ha bisogno. Leggete sempre le schede tecniche e chiedete consiglio agli esperti: ogni pianta ha le sue esigenze!

Di tanto in tanto, poi, controllate attentamente le vostre piante per verificare che non ci siano sulle loro foglie parassiti e acari. Se così fosse, dovete correre ai ripari acquistando un prodotto specifico per il tipo di pianta.

Lo stesso, vale per la pulizia del vaso. Eliminate, di tanto in tanto, le foglie secche che si depositano all’interno del vaso. Prendetevi cura delle vostre piante anche con questi piccoli gesti quotidiani e vedrete che, con un po’ di pazienza, i risultati arriveranno.

Per quel che riguarda il rinvaso, invece, ci sono regole precise. Per esempio, una delle prime cose a cui si pensa quando si compra una pianta è quella di rinvasarla perché il vaso ci sembra troppo piccolo. Niente di più sbagliato; le piante si rinvasano quando crescono, quando aumentano di dimensione e questa operazione è indispensabile per garantire loro una giusta crescita.

Seguivate alla lettera tutte queste disposizioni? Se la risposta è no, forse dovete ricominciare proprio da qui, da tutte quelle piccole attenzioni fondamentali per fare in modo che una pianta cresca bene. Tutto questo è molto importante, con il vantaggio che è anche molto semplice da seguire e mettere in pratica: prendete molto seriamente tutti questi consigli e non sarete più additati come i pollici neri della situazione!

Ecco una serie di piante da appartamento che potete facilmente fare crescere in case seguendo questi consigli.

Kentia

Si presenta come una piccola palma, è una sempreverde con il fusto corto e di un bel colore verde intenso. Può raggiungere circa 15 metri di altezza, ma ha una crescita abbastanza lenta. Per stare bene ha bisogno di spazio e di una zona d’ombra.

Pothos

Facile da coltivare, dalla crescita rapida e con ottime capacità di adattamento. Si può scegliere anche di farla crescere in versione rampicante (basta aiutarla con un tutore). In caso contrario, la pianta si svilupperà verso il basso.

 

Ficus

Una pianta molto decorativa, con una chioma ricca e piena di fronde. Ha foglie piccole, appuntate, a volte di forma ovale. Può raggiungere i due metri di altezza e si sviluppa abbastanza velocemente. Quando il Ficus cresce di dimensione è d’obbligo il rinvaso.

Dieffenbachia

 

Un arbusto sempreverde che esiste in diverse specie. Molto bella da vedere ma, attenzione, velenosa; la sua linfa è molto irritante se viene a contatto con la bocca e con gli occhi. Per questo motivo, indossate sempre i guanti quando ve ne prendete cura.

Sansevieria

Ha foglie molto brillanti e carnose, è di colore verde scuro e, in casi eccezionali, fiorisce all’interno dell’appartamento. Le sue spighe non sono particolarmente decorative, ma hanno un ottimo profumo. Questa pianta è davvero poco esigente e non ha bisogno di molta acqua, solo di molta luce.

Dracena

 

Anche questo, è un arbusto sempreverde, di grandezza media. Ne esistono diverse specie e quella più conosciuta porta il nome di “Tronchetto della felicità!”, una pianta che spesso si regala come buon auspicio per una casa nuova. Il suo fusto è liscio e con pochi rami, mentre le foglie hanno un colore verde molto brillante, a volte con striature bianche. Molto bella la resa ornamentale in rapporto al livello, basso, di manutenzione.

 

Clivia

Arriva dall’Africa, non ha fusto ma ha radici rizomatose in grado di produrre foglie a nastro di colore verde scuro. Si può acquistare sotto forma di singola rosetta e aspettare che il tempo faccia sviluppare nuovi rizomi. I fiori spuntano alla fine dell’inverno e, se le condizioni lo consentono, la fioritura può proseguire anche nei mesi successivi. Questa pianta ha bisogno di molta acqua e di un terriccio sempre umido, ma mai zuppo, altrimenti le radici potrebbero marcire rovinosamente.