Chi lo dice che l’inverno non è la stagione del giardinaggio? Chi l’ha detto che è tutto freddo, buio e grigio? Certo, dobbiamo rassegnarci all’idea di non poter ammirare i girasoli a metà dicembre, ma verde e fiori non mancano nemmeno in inverno, basta solo andare a scovarli e capire quali sono le loro esigenze per coltivarli al meglio.

E soprattutto durante il periodo di Natale, che si sta avvicinando sempre di più, le piante e i fiori invernali possono diventare una bella occasione di arredo o anche un regalo diverso dal solito ma sempre gradito. E a proposito di Natale e dell’atmosfera natalizia proprio dietro l’angolo oggi vi presentiamo le migliori piante di Natale, perfette per abbellire la casa o anche come regalo alternativo per amici e parenti.

E allora, iniziamo subito! Ce n’è un po’ per tutti i gusti; dalle piante più ricercate e particolari alle succulente, dalle piante aromatiche ai grandi classici del Natale. Buona lettura!

1. Albero di Natale

Albero di Natale decorato a tema bianco e oro

Questa è scontata, è vero, ma se ci pensate la pianta di Natale più iconica è proprio questa. Vero o finto, l’abete ha sempre il suo fascino e senza, del resto, che Natale sarebbe? A Natale non può esistere casa, giardino, negozio o ufficio che non abbia un bell’albero di Natale decorato e luminoso!

Abbiamo già parlato dell’abete vero, di come sceglierlo e di come farlo durare a lungo qui. Quindi ci limitiamo a ricordarvi che, se scegliete un abete vero, dovrete fissarlo su un supporto adatto, sistemarlo lontano da fonti di calore, riempire d’acqua il vaso e mantenerlo sempre pieno. 

2. Stella di Natale

Stella di Natale, la pianta delle feste

Le stelle di Natale sono un altro grande classico del Natale. Anche in questo caso, la pianta è davvero delicata e ogni anno scatta la sfida per tenerla viva più a lungo. Provate così: coprite la stella di Natale nel tragitto fino a casa, e non lasciatela in macchina al freddo per nessun motivo al mondo, nemmeno il tempo di fare una spesa veloce o qualche commissione.

Evitate che si formino marciumi all’interno del vaso e annaffiate con molta, moltissima parsimonia, facendo sempre defluire l’acqua in eccesso nel lavandino. Sistemate la pianta vicino a una finestra luminosa e, in aprile, rimuovi le foglie in eccesso. Nutrite la pianta ogni due settimane con un fertilizzante e a settembre, trasferitela in una stanza praticamente… al buio!

3. Cactus Di Natale

Cactus di Natale, una pianta grassa perfetta per il periodo natalizio

I cactus di Natale sono considerati una delle piante più belle per Natale. Per stare bene hanno bisogno di essere posizionati vicino a una finestra luminosa e nient’altro, come del resto quasi tutte le specie di piante grasse che non hanno bisogno di grandi cure e attenzioni per stare bene. 

Se vedete che i boccioli dei fiori cadono prima dell’apertura, questo significa che la pianta sta soffrendo per via della temperatura troppo calda o per il terreno troppo secco. Annaffiate quando il terreno è asciutto, ma non lasciate che la pianta viva di ristagni: si tratta pur sempre di una succulenta!

4. Rosmarino

Mini piante di rosmarino, perfette per creare un abete di Natale fai da te

No, non è solo un’erba aromatica! Il rosmarino in inverno si può trasformare nelle perfetta pianta natalizia per chi ha poco spazio perché i suoi aghi e la sua forma ricordano vagamente l’abete natalizio!

Per questo motivo in commercio si trovano rosmarini già in vaso a forma piramidale proprio per imitare l’albero di Natale. E poi, il suo fresco profumo è un vero toccasana nel bel mezzo dell’inverno, oltre al fatto che nulla vi vieta di attingere a qualche rametto per insaporire la carne e gli arrosti.

Per mantenere la pianta di rosmarino in condizioni ottimali posizionatela in piena luce vicino a una finestra esposta a sud o a ovest: più luce c’è e meglio sarà per il benessere della pianta! Mantenete il terreno sempre umido e controllate il vaso di tanto in tanto per prevenire i ristagni.

Non appena l’inverno sarà finito, spostate il rosmarino all’esterno, diciamo da aprile a maggio. Fertilizzate con un prodotto a rilascio lento e lasciate crescere la pianta naturalmente. Se siete bravi il rosmarino durerà per molto, molto tempo!

5. Ciclamino

Ciclamino, con i suoi bellissimi fiori rossi è perfetto per Natale

Questi fiori tipicamente invernali tollerano bene anche le temperature più fredde e possono fiorire per più di otto settimane con le giuste condizioni climatiche. Posizionate il ciclamino in una posizione di media luce ed evitate le correnti calde se volete prolungare la fioritura.

Annaffiate sempre dalla base e mai dall’alto, anche se sarebbe meglio immergerla direttamente nell’acqua, lasciandola assorbire per 15-20 minuti quindi prima di rimuoverla. Evitate gli schizzi d’acqua sulle foglie.

6. Amarillide

Amarillide, una pianta elegante e molto raffinata

Questi fiori dall’aspetto esotico fioriscono circa 4-6 settimane dopo che avrete piantato il bulbo. Alcune varietà rilasciano il fiore prima del fogliame e sì, questa è la pianta invernale perfetta perché continuerà a fiorire anche dopo le vacanze!

Posizionatela in una zona dove la luce è molto intensa, quindi non nascosta sul tavolino del salotto, dove ci sono in genere bassi livelli di luce. Sistemate il vaso di tanto in tanto per aiutare la pianta a crescere in posizione verticale. E mantenete il terreno uniformemente umido, ma senza ristagni.

Una volta che i fiori saranno sbiaditi, tagliate il gambo ma tenete le foglie per aiutare a reintegrare i nutrienti presenti nel bulbo. Spostate la pianta all’esterno in un’area ombreggiata quando il pericolo gelo sarà passato e fine estate, o a inizio autunno, lasciate la pianta inattiva posizionata in un luogo semi buio, come il garage. Tagliate le foglie ingiallite e ignorale e aspettate novembre, quando il ciclo di crescita, se avete fatto tutto giusto, dovrebbe ricominciare.

7. Narciso

Narciso, fiore delicato e molto natalizio

I narcisi sono fiori bellissimi, delicati e particolarmente natalizi. Coltivateli in un luogo fresco ma soleggiato; luoghi troppo caldi causano la crescita smisurata degli steli. Non appena spuntano i fiori, legate gli steli a un paletto decorativo per evitare che si ribaltino e annaffiate regolarmente affinché il terreno rimanga uniformemente umido.

Si tratta di fiori abbastanza economici, che potete anche acquistare di nuovo di anno in anno e poi i narcisi sono fiori tropicali, quindi non possono in nessun modo essere ripiantati all’aperto. In compenso, dentro casa fanno un gran figurone, anche usati per abbellire la tavola di Natale!

8. Orchidea Phalaenopsis

Orchidea Phalaenopsis, un grande classico per gli amanti dei fiori

Un grande classico. Queste piante dall’aspetto delicato non sono così fragili come vogliono farci sembrare, a patto di prendersene cura come si deve, e fioriranno per mesi se poste in un ambiente confortevole e idoneo.

Date alle orchidee luce intensa e indiretta: questo è il piccolo grande segreto per farle crescere bene e in salute. In genere, le orchidee preferiscono stare in un ambiente fresco ma chiuso; evitate improvvisi sbalzi di temperatura che causano la caduta dei germogli e annaffiate una volta alla settimana fino a quando l’acqua non fuoriesce dal fondo del vaso. In alternativa, potete immergere tutto l’apparato delle radici dell’acqua, aspettare dieci minuti e poi rimettere l’orchidea nel vaso dopo averla fatta scolare per bene.

Se prendete un’orchidea per le feste, sappiate che con qualche accorgimento potrete tenerla in vita anche per molto tempo dopo Natale. Quello che conta è sistemarla vicino a una finestra, a est o a ovest. Nutrite con un buon fertilizzante specifico per orchidee e annaffiate regolarmente, ma alla fine dell’estate lasciate che le foglie si secchino o si increspino un po per stimolare la pianta a generare nuove gemme. Quando le vedrete spuntare, ricominciate ad annaffiare ma smettete di concimare.

9. Pino del Norfolk

Pino del Norfolk, pianta di lunga durata è originaria delle zone del Pacifico

Questa pianta di lunga durata è originaria delle zone del Pacifico meridionale e si presenta con aghi morbidi, natalizi e sfrangiati. Ha bisogno di luce medio-intensa e di essere posta vicino a una finestra esposta a est o ovest; questa specie ha bisogno di circa 6-8 ore di luce al giorno e condizioni di luce troppo basse possono far cadere i suoi rami più bassi. Annaffiate al bisogno ma non lasciarlo asciugare troppo la pianta altrimenti i suoi aghi diventeranno marroni.

Ogni due anni, rinfrescate il terreno di semina ricoprendo con nuovo terriccio fresco. Quando l’inverno sarà finito e il freddo sarà solo un ricordo, potete portare il rosmarino all’aperto, diciamo verso la fine della primavera, se vuoi, ma sempre tenendola all’ombra. Ricordatevi poi di riportarla in un luogo chiuso quando le temperature diventano più fresche e fertilizzate ogni 6-8 settimane con un fertilizzante standard.

10. Felce gelida

Felce gelida, molto simile alle felce ma tinta di bianco

Queste adorabili piccole piante molto simili alle felci ma tinte di bianco sono un una delle nuove tendenze per quanto riguarda le piante in stile natalizio. Perfette per le casa, ma anche per l’ufficio o per arredare un negozio, la felce gelida è una pianta davvero versatile.

Sistematela in un luogo dove possa ricevere media luce, dal momento che si tratta di una specie che preferisce avere livelli di umidità costante (e per questo motivo questa pianta funziona molto bene nei terrari). Mantenete il terreno sempre leggermente umido e utilizzate acqua a temperatura ambiente e mai fredda. Annaffiate dal basso versando l’acqua in un piattino e lasciate assorbire per 15 minuti.

Se acquistate questa pianta per le feste, siete decisamente fortunati: questa specie è piuttosto resistente nel tempo e, con le giuste attenzioni, continuerà a decorare i vostri spazi anche dopo il Natale. Ha dimensioni decisamente contenute, è bella da vedere e si coltiva con facilità: ma che cosa vogliamo di più?

E voi cosa ne pensate? Quali di queste piante preferite per le decorazioni natalizie di quest’anno?

TEST EADV