La stagione calda che si avvicina sempre di più per noi vuol dire una sola cosa: orto! Le giornate stanno diventano sempre più calde, stare all’aria aperto è piacevole e non c’è niente di meglio che un po’ di tempo passato all’aria aperta per rigenerare il corpo, la mente e per dedicarsi alla coltivazione dei propri ortaggi.

Giugno è praticamente arrivato e questo è il momento in cui non solo si comincia a raccogliere qualche ortaggio, ma ci si occupa anche delle semine e dei trapianti in piena terra, con un occhio rivolto sempre verso il calendario lunare. Perché le tradizioni contadine, ancora oggi, ci regalano preziosi consigli e metodi che…non sbagliano mai!

Le giornate diventano sempre più calde ed è necessario dedicarsi con cura all’annaffiatura delle piante in vaso e all’irrigazione nell’orto. Inoltre, questo è il momento giusto per approfittare delle piogge della fine della primavera per raccogliere dell’acqua piovana da utilizzare per limitare i consumi idrici domestici. Ma veniamo all’orto!

Le semine di giugno

l'orto di giugno

Durante il mese di giungo le temperature si stabilizzano e sarà possibile effettuare semine in piena terra, come quelle dei pomodori, dei piselli e dei fagioli da gustare. Potrete inoltre dedicarvi alla semina protetta degli ortaggi, che si potranno raccogliere nei mesi successivi, come porri, cavoli, finocchi e zucche, e delle erbe aromatiche, come camomilla, prezzemolo, basilico e salvia.

Nel mese di giungo potrete seminare:

Ravanelli
Rucola
Spinaci
Susine
Zucchine

Peperoni
Pesche
Piselli
Pomodori
Prugne
Radicchio

Lattughino
Limoni
Melanzane
Meloni
Mirtilli
Nespole
Peperoncini

Asparagi
Basilico
Carote
Cetrioli
Ciliegie
Fragole
Fagioli
Fagiolini

Giugno è anche il momento migliore per trapiantare quanto avete coltivato nei semenzai nelle settimane precedenti, per trasferire in vaso o in piena terra, in base allo spazio a disposizione per l’allestimento dell’orto. Potrete dedicarvi anche al trapianto di fragole, pomodori, peperoni, zucchine, melanzane e peperoncini, insieme prezzemolo e rosmarino.

Potete anche iniziare la semina nel semenzaio degli ortaggi che si raccoglieranno nei mesi successivi, sempre facendo attenzione a non esporre i germogli direttamente alla luce del sole, per evitare che si secchino.

Prima di procedere con il trapianto, è bene inumidire la terra che contiene le radici della piantina ed bagnare anche la buca prima di trasferire la pianta. In caso di trapianto in vaso, ricordatevi di cospargerne il fondo con dell’argilla espansa o con qualche coccio, in modo da permettere al terreno di trattenere l’umidità e di mantenere la temperatura ideale per le piante.

Il raccolto di giugno

Il raccolto di giugno

Giugno è anche il momento giusto per gustare i nostri ortaggi preferiti di stagione, come le fragole, le pesche, i pomodori, le zucchine e anche i peperoni. Un raccolto abbondante durante l’estate sarà perfetto per dedicarsi alla preparazione di salse, conserve e confetture. Le erbe aromatiche si potranno utilizzare per la preparazione di condimenti o potranno anche essere essiccate per essere usate successivamente.

A giugno possiamo raccogliere:


Asparagi
Basilico
Carote
Cetrioli
Ciliegie
Fragole
Fagioli
Fagiolini
Fiori di zucca


Lamponi
Lattuga
Lattughino
Limoni
Melanzane
Meloni
Peperoncini
Peperoni
Piselli
Pomodori
Radicchio
Ravanelli
Rucola
Spinaci
Zucchine

L’orto di giugno…sul balcone!

insalata

Per chi ha deciso di coltivare le erbe aromatiche in vaso, direttamente sul balcone, sarà possibile raccogliere il basilico, il prezzemolo, la salvia, il rosmarino, l’origano, il timo, la maggiorana, la salvia, la menta e l’erba cipollina.

Molte delle piante aromatiche e balsamiche arrivano al culmine della loro carica di elementi proprio nel mese di giugno. Le erbe si possono raccogliere sia per essere consumate fresche sia per essere essiccate, all’ombra o appendendo alcuni rametti legati con uno spago e capovolti.

In base a quanto avete seminato o trapiantato nei mesi precedenti, l’orto sul balcone vi potrà offrire per il raccolto: pomodorini, peperoncini, fagiolini, ma anche zucchine tonde, rucola, lattughino , prezzemolo e basilico, insieme a tante altre erbe officinali ed aromatiche. Potreste cominciare poi con la semina dei porri, dei ravanelli, del sedano e dell’aglio, da gustare nei mesi successivi.

Il calendario lunare

Seguire il calendario lunare, insieme a tutti i consigli della tradizione contadina, può esservi utile per programmare le semine e i trapianti da fare nell’orto. L’uomo si affida alla luna da secoli che, a quanto pare, non ha mai sbagliato!

Luna crescente

Durante i giorni di luna crescente è consigliato dedicarsi al trapianto degli ortaggi coltivati in vaso o nel semenzaio. Il periodo migliore per il trapianto è quello delle ore serali, dal momento che le radici non dovrebbero mai essere esposte alla luce diretta del sole. Quando la luna crescente è crescente, occupatevi della semina o del trapianto dei fagioli, dei piselli, della lattuga, della rucola, dei broccoli, dei pomodori e dei cetrioli. I giorni di luna crescente sono ideali anche per la raccolta delle erbe aromatiche.

Luna calante

Nei giorni di luna calante occupatevi della raccolta degli ortaggi e della potatura delle piante. Quando la luna è alante potrete procedere con la raccolta delle erbe aromatiche. Con la luna calante potrete dedicarvi anche alla semina protetta nel semenzaio dei porri, del radicchio, del sedano, del cavolo cappuccio autunnale, della bietola da coste, della scarola e dei finocchi. Secondo la tradizione contadina quando la luna è calante si consiglia di effettuare annaffiature e irrigazioni più abbondanti a differenza dei giorni di luna crescente. Con la luna calante, poi, si posizionano tutti quei sostegni adatti a sorreggere le piante rampicanti dei pomodori, dei fagioli e dei piselli.

Non vi resta che rimboccarvi le maniche e cominciare a lavorare nel vostro orto tra semine, trapianti e raccolte. Ormai non ci sono più scuse: l’estate è arrivata ed è tempo di mettersi all’opera per avere un raccolto ricco e generoso!