Ci siamo, gennaio è arrivato e qual è il modo migliore per cominciare l’anno nuovo? Occuparsi dell’orto, ovviamente, che domande! Nel mese di gennaio, in particolare nella seconda metà del mese, quando ormai il pericolo delle gelate comincia piano piano ad allontanarsi, possiamo cominciare a preparare l’orto per la semina di tutte quelle varietà di ortaggi che vogliamo raccogliere nei mesi a venire.

Gennaio è il momento di dedicarsi alla semina in semenzaio, soprattutto in quelle zone come il nord Italia che sono caratterizzate da un clima rigido. L’orto di gennaio può offrirci un ricco raccolto di prodotti invernali da portare sulle nostre tavole, basta semplicemente darsi da fare! E non dimentichiamoci di raccogliere le erbe aromatiche da essiccare oppure da utilizzare fresche in cucina.

Cosa seminare a gennaio

Piantine seminate a gennaio e appena germogliate

Iniziamo con la semina, la prima fase dei lavori dell’orto, la fase in cui tutto ancora lavora sottoterra, pronto a sbocciare tra qualche mese e a darci tantissime soddisfazioni. Il segreto è avere pazienza e lavorare la terra con costanza: solo così i risultati arriveranno.

La semina, dicevamo.

Durante il mese di gennaio, soprattutto se siete fortunati e vivete in una regione dove il clima è mite, e se avete la possibilità di seminare le piante in modo protetto all’interno di un semenzaio chiuso, potete finalmente cominciare con la semina di ortaggi e piante.

Particolare attenzione, soprattutto dal punto di vista della protezione dal gelo, dovrete darla alla semina dei peperoni, dei pomodori, delle melanzane, della rucola e del basilico. Se il clima non è molto rigido, è possibile seminare in piena terra le fave, i piselli e le carote. Nel mese di gennaio potete anche dedicarvi al trapianto dei carciofi e dei bulbi dell’aglio e della cipolla.

Ecco quello che è possibile seminare a gennaio:

  • Basilico
  • Carote
  • Cavolfiori
  • Cavolo cappuccio
  • Cipolle
  • Crescione
  • Erba cipollina
  • Fave
  • Lattuga
  • Melanzane
  • Meloni
  • Peperoni
  • Pomodori
  • Piselli
  • Porri
  • Prezzemolo
  • Radicchio
  • Ravanelli
  • Rucola
  • Sedano
  • Spinaci
  • Timo
  • Valeriana
  • Zucchine

L’elenco è lungo, come vedete c’è molto da fare e in questo mese possiamo davvero seminare tante diverse varietà di ortaggi da gustare nei mesi seguenti. Quindi forza, non perdiamoci d’animo!

I nostri consigli per la semina

Nelle zone dove a gennaio il gelo sarà ancora presente, il consiglio è quello di ricorrere alla semina in semenzaio, soprattutto per gli ortaggi più gracili, che soffrono maggiormente il freddo. In questo modo potrete eseguire il loro trapianto nell’orto quando il clima sarà più mite. È poi possibile utilizzare semenzai o anche cassoni riscaldati, o ancora dei tunnel fai da te che potete costruire da soli, a patto che l’aria riesca a circolare in modo corretto.

In giardino o nell’orto potete anche costruire dei semenzai casalinghi utilizzando semplicemente contenitori per uso alimentare di recupero, come barattoli di plastica che non utilizzate più: basta semplicemente realizzare dei piccoli buchi sul fondo.

Il raccolto nel mese di gennaio

Cavolo verza, nel raccolto del mese di gennaio.

In base a quanto abbiamo seminato nel corso dei mesi precedenti, a gennaio possiamo raccogliere diversi ortaggi invernali. Se avete la fortuna di avere a disposizione degli alberi da frutto, potrete anche raccogliere e gustare le mele, le arance, i mandarini, i mandaranci, le pere e i pompelmi. Non dimenticatevi nemmeno delle erbe aromatiche: timo, rosmarino, origano, salvia e alloro. Questo è il momento di raccoglierle!

E poi, ecco quello che potete raccogliere a gennaio:

  • Bietole
  • Catalogna
  • Cavolfiori
  • Cavolini di Bruxelles
  • Cavolo cappuccio
  • Cavolo nero
  • Cavolo verza
  • Finocchi
  • Indivia
  • Porri
  • Radicchio
  • Ravanelli
  • Sedano rapa
  • Spinaci

L’orto sul balcone a gennaio

Non ci siamo certo dimenticati di voi, fedeli coltivatori dell’orto sul balcone. A gennaio dovrete ricordarvi di proteggere le piante dal gelo, utilizzando gli appositi teli e poi potete cominciare a raccogliere le erbe aromatiche che avete coltivato in vaso, come la salvia, il rosmarino e l’origano.

Se il vostro balcone è ben protetto, oppure se avete a disposizione un semenzaio o ancora se vivete in una regione dal clima mite, potete dedicarvi alla semina delle erbe e di tutti gli ortaggi che si possono coltivare in vaso, come i ravanelli, la rucola, le carote, la lattuga, il radicchio, il basilico, l’erba cipollina, il prezzemolo e la valeriana.

Il calendario lunare e i lavori nell’orto

Ovviamente, quando si parla di orto, semina, trapianti e raccolto non possiamo dimenticarci della luna.

Quando la luna è crescente

Quando la luna è crescente la tradizione vuole che si effettui la semina dei pomodori, dei peperoni, delle melanzane e del basilico. La rucola e i ravanelli possono essere seminati dentro al semenzaio e in un luogo riparato, esattamente come il radicchio e la lattuga da taglio. I giorni in cui la luna è crescente sono quelli in cui è preferibile  effettuare i trapianti dei carciofi, dei bulbi di aglio e della cipolla. Le carote e il prezzemolo possono essere seminati quando la luna è crescente.

Quando la luna è calante

Secondo la tradizione popolare, con la luna calante si deve dare inizio a una nuova stagione per il vigneto proprio a partire dalla potatura. La potatura, però, dovrà essere rimandata al mese di febbraio se il clima risulta ancora particolarmente rigido, in modo da non provocare danni alle proprie viti da uva.

Nel frattempo, però, possiamo preparare i supporti per le viti. Con la luna calante il consiglio è anche quello di effettuare la semina del cavolo cappuccio, del sedano, del radicchio e della lattuga. È anche possibile iniziare a preparare il terreno per la coltivazione delle fragole che raccoglieremo in estate.

Quando la luna è piena

Anche la luna piena è molto importante, soprattutto per il raccolto. Quando ci sono i giorni di luna piena, allora possiamo dedicarci alla raccolta delle erbe aromatiche che poi andranno essiccate. L’orto a gennaio ci offre la possibilità di dedicarci alla raccolta non soltanto della salvia, dell’alloro e del rosmarino, ma anche del timo e dell’origano. Il momento in cui luna piena è inoltre considerato il periodo migliore per dedicarsi alla concimazione degli alberi da frutto. Lo sapevate?

E voi? Avete già cominciato? A che punto siete con i lavori nell’orto di questo mese?