Marzo, il mese della semina

Con l’arrivo della primavera è possibile dare il via a tutti i lavori di giardinaggio, specialmente alla semina di ortaggi e piccoli frutti, a terra o in vaso, l’importante è scegliere il momento giusto e la tecnica giusta, seguendo alcuni semplici accorgimenti che vi garantiranno ottimi risultati con davvero poco sforzo.

Nel mese di marzo sarà possibile raccogliere gli ultimi frutti dei mesi invernali quali ad esempio cavoli,  cavolfiori e zucche, e iniziare le nuove semine per i raccolti futuri. Se temete che nella vostra zona possano verificarsi gelate tardive, è consigliabile dare il via alle semenze al coperto, utilizzando ad esempio piccoli contenitori fai da te (vasetti alimentari, cartoni delle uova, piccole scatole di recupero), da riporre in casa, o posti all’esterno coperti da teli in cellophane; in questo modo potrete avviare le piantine e trasferirle nell’orto alla fine del mese o in aprile.

recinzioni originali

Per chi di voi non ha la fortuna di possedere un giardino dove allestire un orto, sarà comunque possibile dare ampio sfogo al vostro pollice verde utilizzando vasi nei quali seminare sul balcone i vostri ortaggi preferiti, ma anche piccoli frutti come ad esempio le fragole! Attraverso la coltivazione in verticale, che si avvale dell’utilizzo di piccoli tralicci e vasi appesi, potrete anche sfruttare al meglio lo spazio di cui disponete ed incrementare notevolmente la vostra produzione personale.

Seminare in vaso è semplice, vi basterà utilizzare un buon terriccio ricco di nutrienti e avere l’accortezza di praticare i fori per il drenaggio sul fondo dei vasi e scegliere la giusta posizione per i vostri contenitori (esposti al sole per almeno 8 ore al giorno e al riparo da forti correnti). Tra le specie di ortaggi più adatte alla coltivazione in vaso troviamo: pomodori, cetrioli, ravanelli, alcune insalate, ma anche carote e peperoni; con l’ausilio di piccoli paletti portanti sarà facile dare sostegno alle piante anche in vaso.

marzo orto

Quando seminare?

Come abbiamo visto con poche semplici mosse e piccole spese è possibile avviare un orto dove seminare ciò che più vi piace e magari scegliere varietà differenti in modo da allungare la raccolta e scaglionarla al meglio. Ciò che riveste un ruolo decisivo nella semina è il momento giusto in cui interrare le semenze e, anche se non si tratta di regole scientifiche, la tradizione contadina fa spesso riferimento alla fasi lunari e vuole che alcuni ortaggi debbano essere seminati con la luna calante e altri con la luna crescente.

sassi dipinti

Luna crescente (dal 2 al 15 marzo 2014)

La tradizione dice che in questa fase è preferibile seminare gli ortaggi da frutto (zucchine, melanzane, pomodori, meloni, angurie, peperoni…) e i legumi (fagioli, piselli, fave …), fanno eccezione il prezzemolo e le carote che hanno una crescita lenta e la luna crescente ne aiuterebbe lo sviluppo.

Luna calante (dal 17 al 30 marzo 2014)

Durante la fase di luna calante si consiglia la semina di ortaggi da foglia (spinaci, scarola, radicchio, lattuga da taglio, valeriana, invidia riccia …), e di quelli da radice e da bulbo (cipolla, aglio, porro, rape, ravanello, barbabietola, sedano, finocchio …). È il momento giusto anche per la semina delle erbe aromatiche e per la potatura di alberi da frutto quali viti, peri e meli.