fbpx

Soprattutto nelle zone a scarsa disponibilità di acqua il metodo di irrigazione a goccia si sta diffondendo in maniera esponenziale; ma i vantaggi di questa tecnica non si limitano alla drastica riduzione del consumo di acqua, già di per sé molto importante.

Si tratta di un metodo di irrigazione ad alta efficienza; che consente di utilizzare l’acqua in maniera ottimale da molteplici punti di vista; in primis irrigare a goccia significa apportare acqua direttamente ed unicamente alle radici delle piante con il conseguente vantaggio di offrire ad esse la giusta quantità e la frequenza più adatta ad uno sviluppo sano ed equilibrato.

Attraverso questa tecnica l’acqua viene fornita in maniera uniforme a tutte le piante coinvolte nella coltivazione, l’efficienza stimata è del 95% grazie al fatto che, offrendo alla pianta volumi modesti in un tempo dilatato, si dà agli impianti il tempo necessario per sfruttarla completamente.

In aggiunta i bassi livelli di evaporazione in superficie permettono all’acqua di arrivare alla profondità più adeguata, e il minimo impatto dei venti sul terreno consente una somministrazione lenta e sempre efficace.

Utilizzando questa tecnica è possibile irrigare ampie aree di terreno contemporaneamente, senza che sia necessario l’utilizzo di ingenti volumi di acqua.

Un altro importante vantaggio dell’irrigazione a goccia è la drastica diminuzione di malattie fungine che colpiscono le varie colture a causa di ristagni idrici ed elevati tassi di umidità costanti nel tempo. Irrigando a goccia non si bagneranno le parti aeree delle piante, evitando così il proliferarsi di queste patologie.

Tecnica fai da te

Se lo si desidera, è possibile realizzare una sorta di impianto di irrigazione a goccia casalingo, ideale per annaffiare orto e giardino, semplicemente utilizzando delle bottiglie di plastica vuote.

1.

Come si può vedere nell’immagine si deve semplicemente interrare una bottiglia di plastica tra le piante; ancor meglio sarebbe fare questa operazione prima della piantumazione, per evitare il rischio di danneggiare l’apparato radicale delle colture.

2.

Riempire di acqua le bottiglie e, di tanto in tanto, aggiungere una parte di fertilizzante liquido per migliorare l’apporto di sostanze nutrienti alle piante.

3.

Basterà praticare due piccoli fori sul fondo di ogni bottiglia, utilizzando un cacciavite o un coltello, e avendo cura che i fori non siano né troppo grandi da far svuotare in fretta il contenitore, né troppo piccoli da essere ostruiti dal terreno.

4.

Il numero dei punti goccia, ovvero delle bottiglie, varia in funzione della distanza tra gli impianti, delle caratteristiche di assorbimento del terreno e della tipologia di clima della zona.

5.

Se si lascerà il tappo sulle bottiglie, queste si svuoteranno più lentamente e sarà possibile incrementare ulteriormente il risparmio di acqua.