fbpx

E così l’autunno è arrivato. Si sono abbassate le temperature, le foglie hanno cominciato a cadere e le strade e i giardini cambiano il colore e l’atmosfera del paesaggio intorno. Ma questo non vuole dire che il vostro giardino non abbia più bisogno di voi o che non ci sia nulla da fare fino alla prossima primavera. No, anche in autunno il giardino ha bisogno di cure e di attenzioni. Vediamo allora quali sono i lavori di cui ha bisogno il giardino d’autunno.

L’autunno è una stagione piena di cambiamenti. Il sole non è più caldo come in estate, non c’è più la stessa luce intensa dei mesi estivi e le giornate si sono ormai accorciate. Fa più freddo, piove di più e tutti noi percepiamo questi piccoli grandi cambiamenti. Insieme a noi, l’arrivo dell’autunno viene sentito anche dai fiori, dalle piante e dalla terra.

E per questo motivo, è importante sistemare il giardino, i vasi e il nostro orto in modo ottimale per aiutare la natura che ci circonda a vivere al meglio questa nuova stagione. E non dimentichiamoci dell’orto. Anche l’orto ha bisogno di cure e di attenzione se volete un raccolto bello e rigoglioso nei mesi a venire.

Il giardino d’autunno: da dove iniziare

giardino d'autunno

Iniziamo dall’aspetto più semplice: la pulizia. In autunno si comincia a potare gli arbusti, si sistemano le aiuole e si eliminano tutti quei rami secchi o spezzati che si trovano sparpagliati per il giardino. Poi ci sono le foglie secche da rimuovere. Ma vietato buttarle! Le foglie secche sono un punto di partenza perfetto per realizzare del compost fai da te, per preparare una buona pacciamatura e per realizzare un rifugio perfetto per i ricci.

L’autunno è anche il periodo migliore per concimare di nuovo il prato, soprattutto se avete intenzione di rimpinguare tutte quelle zone che sono diventate secche durante l’estate. In autunno il clima è umido e le piogge aiuteranno le sementi a germogliare più in fretta.

Uno degli aspetti positivi del prato in autunno è che non c’è bisogno di tagliarlo spesso. La crescita del prato culmina con il finire della stagione e sarà quindi necessario procedere con uno, al massimo due, tagli durante l’intera stagione. Ricordatevi sempre di raccogliere l’erba in eccesso e di evitare i ristagni d’acqua per evitare che si formi l’habitat perfetto per la prolificazione di batteri e funghi.

E se utilizzate un sistema automatico di irrigazione, ricordatevi che in autunno potete abbassare sia la frequenza che la portata.

Veniamo adesso alla protezione delle piante. Abbiamo detto che le temperature cominciano ad abbassarsi e quindi è necessario riparare le piante più delicate dai primi freddi. Avete due scelte; potete trasferire i vasi in un luogo più riparato, oppure portare le piante direttamente dentro casa. Le piante invernali, invece, vanno concimate adesso, per consentire loro di fiorire nel bel mezzo dell’inverno.

Proteggere le piante con la serra

serra

Molte piante soffrono il freddo, soprattutto in quei luoghi dove l’inverno è piuttosto rigido. Se per alcune piante non è necessario avere particolari attenzioni, per altre è necessaria una bella protezione che potrebbe essere rappresentata da una serra. C’è però l’altro lato della medaglia, quando parliamo di serra. Le insidie sono sempre dietro l’angolo, quindi se optate per questa soluzione dovrete stare attenti a:

  • malattie e insetti: a volte il clima è troppo secco o troppo umido dentro la serra e questo diventa l’ambiente ideale per la prolificazione di insetti e di funghi. Molto importante, quindi, è tenere sempre sotto controllo l’ambiente interno.
  • temperatura: a volte all’interno della serra può capitare che la temperatura sia troppo alta. Per questo, serve almeno una finestra che garantisca un buon ricambio soprattutto durante le giornate di sole. Se la serra diventa troppo caldo le piante soffrono e potrebbero andare incontro a danni vegetativi.

Avete preso nota di tutto fino a qui? Facciamo un bel riepilogo di tutti i lavori per il giardino d’autunno:

  • Mettere al riparo dal freddo le piante più delicate. L’ambiente ideale è un posto luminoso ma non troppo caldo
  • Eliminare arbusti e rami secchi
  • Ridurre l’irrigazione del prato quando le temperature si abbassano
  • Raccogliere le foglie secche e conservarle per realizzare compost e pacciamatura
  • Concimare di nuovo il prato e tagliarlo un paio di volte in tutta la stagione autunnale
  • Concimare le piante che fioriranno in inverno

Il giardino d’autunno: le piante e l’orto

giardino d'autunno

Chi l’ha detto che l’autunno è una stagione morta che non permette di coltivare o piantare nuove piante? In questa stagione sono diverse le piante ornamentali che potete coltivare in piena terra. Qualche esempio? Il fiordaliso e la calendula!

E per quel che riguarda l’orto? In autunno ormai avrete finito di raccogliere gli ortaggi estivi, quindi è il momento di fare spazio per piantare nuove piante. Prima però, il terreno dovrà essere vangato e concimato. Fatto questo potrete sbizzarrirvi con la semina di carote, spinaci, radicchio, rucola, prezzemolo e piselli.

Ottobre è anche il periodo perfetto per trapiantare l’aglio e la cipolla bianca. Per un buon raccolto è necessario inserire i bulbi in una porzione di terreno dove in precedenza avete piantato colture che richiedevano una buona quantità di fertilizzante. Andrà benissimo quindi inserire il bulbo dell’aglio e della cipolla dove avete piantato in precedenza le zucchine o i pomodori, in una zona dove la fertilità rimasta diventerà l’ambiente ottimale per fare crescere bene l’aglio.

Ci vorrà poi un occhio di riguardo al terreno. Se in estate la preoccupazione principale è quella di fornire la giusta quantità d’acqua all’orto, in autunno la situazione si capovolge. Pioverà molto e il rischio è quello che si creino dei fastidiosi ristagni d’acqua. L’ideale, in questo caso, è quella di creare un sistema elevato rispetto al suolo oppure, se questo non è possibile, creare dei piccoli canali di scolo direttamente nel terreno.

Il giardino d’autunno: le talee

riccio

Ottobre è anche il mese delle talee e dei tuberi da fiore. Questo è il momento giusto per mettere a dimora diversi tipi di piante e di fiori e per seminare con pazienza quello che poi vedrete fiorire in abbondanza durante la primavera.

Se decidete di seminare direttamente nel terreno potete cominciare con il papavero, con la calendula, con il fiordaliso e l’elicriso. Quando piantate i tuberi da fiore, ricordate di moltiplicare sempre per due la profondità della buca rispetto alla grandezza del vostro tubero. Solo così riuscirete a coprirlo perfettamente lasciandolo respirare anche se sotto terra. Questo è anche il momento migliore per seminare i tulipani, i narcisi, l’iris e le piante rampicanti come i rosai.

E a proposito di rose, sono proprio loro i fiori ideali per le talee d’autunno, insieme alle camelie e alle ortensie. Si procede in questo momento. Per prima cosa vi serviranno alcuni contenitori da riempire in quantità identiche di sabbia e di torba. Le talee vanno messe all’interno della terra a pochi centimetri di profondità e i contenitori dovranno essere conservati in un luogo riparato, lontano dal freddo, dal gelo e dal vento.

Ecco fatto! Questo sarà il vostro piccolo vademecum per affrontare come si deve questa nuova stagione e per godere a pieno di questo autunno che non è solo pioggia e freddo, ma anche colori caldi, profumo di castagne e nuove piante, e fiori, pronti a nascere di nuovo. Buon autunno, e giardinaggio, a tutti!