L’hobby verso il giardinaggio, ma anche verso l’orto fai da te, cresce sempre di più. Sono molte le persone che vogliono rilassarsi stabilendo un contatto più diretto con la natura, per rigenerarsi, ridurre lo stress e staccare la spina dai ritmi frenetici della vita quotidiana. Stare in mezzo alla natura fa stare bene, è risaputo, e i vantaggi sono davvero tanti.

Anche la scienza è dalla nostra parte: coltivare l’orto e prendersi cura di fiori e piante fa bene alla salute, riduce lo stress e ci aiuta a stare meglio e a mantenerci in forma. Ma da dove si comincia? Il giardinaggio è un’attività difficile da intraprendere? E quali sono i trucchi per riuscire al meglio?

Procediamo con ordine. Il giardinaggio e la coltivazione dell’orto non sono attività difficili in senso assoluto. Certo, ci sono progetti più complicati e altri più semplici da realizzare, ma non ci sono limiti per chi si impegna davvero e ci mette tanta buona volontà. Si parte sempre da qualcosa di facile e poi, piano piano, ci si cimenta con progetti più difficili, che richiedono più tempo e un pizzico di esperienza in più.

I trucchi, be’, per questo occorre essere informati, aggiornati e non avere paura di imparare. E qui, entriamo in gioco noi con le nostre guide e i nostri suggerimenti. Veniamo ora alla prima domanda: da dove si comincia? La risposta è molto semplice: dal principio, ossia dagli strumenti base che servono per coltivare la terra e per fare giardinaggio.

Ogni attrezzo nel giardino ha un suo un preciso compito e non potete farvi trovare impreparati quando passerete da un’attività a un’altra. È importante scegliere con molta cura gli strumenti che vi serviranno per prendervi cura dell’orto o del giardino.

Per prima cosa dovranno essere di qualità, ma anche leggeri e maneggevoli. Sono gli attrezzi di qualità quelli che durano maggiormente nel tempo e che, in fin dei conti, vi permetteranno di risparmiare davvero. Quindi, non andate per forza a caccia degli attrezzi più economici e, anche se l’esigenza di risparmiare è sempre dietro l’angolo, il nostro consiglio è sempre quello di puntare su uno strumento solido, robusto e ben fatto e di non acquistare mai puntando su materiali leggeri che sono destinati a deteriorarsi in poco tempo.

La lista degli strumenti per fare giardinaggio

Se dovete acquistare tutto da zero perché avete appena cominciato con le vostre attività di giardinaggio, ecco quello che vi servirà per coltivare l’orto e per prendervi cura del vostro giardino. Non è necessario affrontare l’intera spesa nello stesso momento, soprattutto adesso che è autunno, e che i lavori nell’orto e nel giardino possono prendersi un po’ di pausa dettata dalla stagione.

Vanga: l’attrezzo forse più importante, fondamentale per vangare e per rigirare la terra, soprattutto se dovete coltivare un terreno piuttosto grande. Una buona vanga è quella in acciaio inossidabile, resistente e con manici in legno.  Costa un po’ di più ma è molto più resistente.

Forbici: Può sembrare banale e scontato ma un paio di forbici serve sempre, per fare giardinaggio e per coltivare l’orto, soprattutto quando sarà il momento del raccolto. Che siano affilate, leggere ed ergonomiche.

Rastrello: vi servirà per spianare il terreno e per preparare le aiuole del giardino. Deve essere bilanciato con almeno 10- 15 denti e deve essere leggero per funzionare bene.

Zappa: è lo strumento indispensabile per lavorare bene la terra, soprattutto se volete coltivare un bell’orto. Prima della semina, per piantare le nuovi colture e per rimettere in sesto il terreno, la zappa è davvero fondamentale!

Piantatoio: Vi servirà per piantare i bulbi. Serve per fare un buco nel terreno dove andrete a inserire le vostre piantine, ma si può utilizzare anche per rendere più compatta la terra dopo il trapianto.

Cesoie: con le cesoie potrete tagliare i rami più grossi del giardino e regolare la forma degli alberi a vostro piacimento, oppure potrete dare la forma che desiderate ai vostri cespugli. Anche queste sono fondamentali, non vorrete procedere con le forbici tradizionali, vero?

Legatrice: vi servirà per legare insieme i rami senza fare troppa fatica e soprattutto senza perdere troppo tempo. Questo strumento non è di certo tra quelli primari da acquistare, ma se il giardinaggio diventerà per voi un’attività costante, allora sì, questo strumento vi servirà!

Sega: vi servirà invece raggiungere i rami che non riuscite a raggiungere da soli con le cesoie. Va maneggiata con cura e con molta attenzione.

Trituratore: anche questo strumento è indispensabile. Serve per la pulizia dei residui di potatura e delle foglie, soprattutto se coltivate alberi da frutto, dal momento che le fronde infette, se lasciate nel suolo per troppo tempo, potrebbero propagarsi e crearvi qualche piccolo problema.

Nebulizzatori: A volte le piante si ammalano, è normale. Per questo dovreste sempre avere a portata di mano un nebulizzatore,  che vi servirà a spruzzare soluzioni liquide da nebulizzare direttamente sulla pianta.

Sistema di irrigazione: un buon sistema di irrigazione vi aiuterà a mantenere il prato, o l’orto, sempre curato e con il giusto apporto d’acqua. In alternativa, potete sempre procedere in modo fai da te con il buon vecchio annaffiatoio.

Strumento per raccogliere la frutta: Non è indispensabile, ma molto utile se coltivate alberi da frutto. Al momento della raccolta sarà molto più semplice raggiungere i frutti senza usare la scala.

Questi sono gli strumenti base che tutti dovremmo avere nel capanno degli attrezzi per cominciare a coltivare l’orto e a dedicarci al giardinaggio. La scelta è molto vasta e oltre a questi strumenti ne troverete sicuramente altri, che potrete acquistare anche in seguito, quando sarete diventati un po’ più esperti.

Tutti questi strumenti sono disponibili in commercio in vetro resina o in metallo. Il metallo, secondo noi, è la scelta migliore perché gli strumenti di questo materiale sono più robusti e potenti e di conseguenza sono anche più duraturi nel tempo.

Nessuno di questi attrezzi può considerarsi pericoloso, ma è comunque importante usarli correttamente. Le lame devono essere tarate in base alla tipologia di taglio che si vuole effettuare. Sarà quindi necessario munirsi di lame battenti per i rami secchi, mentre dovrete utilizzare lame passanti se dovrete potare rami verdi. A ogni azione, la sua lama.

Tutte le lame usate per la potatura devono poi essere disinfettate per bene, in modo da evitare che eventuali malattie si diffondano da una pianta ad un’altra. Pulite bene con uno straccio e insistete in ogni angolo della lama senza avere fretta.

Prendersi cura del giardino

Adesso siamo in autunno e ci stiamo avvicinando all’inverno, quindi il giardino non ha bisogno di particolari attenzioni, se non qualche piccolo lavoro di manutenzione, come le potature e le semine per la primavera, e un’attenta pianificazione che vi porterà e mettere al riparo tutte quelle piante che soffrono il freddo.

Se volete cimentarvi con l’attività di giardinaggio o volete cominciare a coltivare l’orto, allora questo è il momento giusto per guardarvi intorno e per cominciare ad acquistare tutti gli strumenti necessari che vi permetteranno di essere operativi quando sarà arrivata la primavera e quando i lavori di giardinaggio cominceranno a entrare nel vivo.

Seguite con attenzione i nostri consigli, leggete le nostre guide e in pochi mesi per voi l’orto e il giardinaggio non avranno più segreti! Chi ben comincia è a metà dell’opera, giusto?