L’autunno è alle porte e in autunno… è tempo di zucca! La zucca è un vero e proprio must in cucina e non durante la stagione; se festeggiate Halloween potete intagliarle in quantità per creare delle bellissime decorazioni. Se invece preferite utilizzarla in cucina potete tagliarla a pezzetti e conservarla per l’inverno oppure sbizzarrirvi con torte, risotti e contorni di zucca al forno. Insomma, se vi piace il genere e la cucina è la vostra passione, la zucca è davvero un ingrediente multitasking che vi darà un sacco di soddisfazioni

Piantare i semi di zucca nell’orto è un processo molto più semplice di quanto si possa pensare e poi, potrete raccogliere i frutti per tutta la stagione. Unica nota negativa: avrete bisogno di molto tempo e di piantare i semi con largo anticipo perché la zucca ha una crescita molto lunga, anche se tutto dipende dalla varietà di semi che scegliete di piantare. In ogni caso, fidatevi: di aspettare, ne vale proprio la pena!

Le zucche danno il meglio di loro se piante direttamente nel terreno. Il periodo migliore per farlo va da fine maggio a inizio luglio. Ma non preoccupatevi: se quest’anno siete decisamente in ritardo, prendete nota per il prossimo anno!

I semi si piantano in pieno sole a distanza di 50 cm l’uno dall’altra, a seconda della varietà di zucca che decidete di piantare. La natura ci ha regalato tantissime specie di zucche, rotonde o dalla forma allungata. Scegliete voi, in base allo spazio che avete a disposizione!

Ma entriamo nel vivo di questo tipo coltivazione: ecco tutto quello che dovete sapere sulla zucca!

La coltivazione della zucca

zucca

 Indipendentemente dalla varietà di zucca che decidete di coltivare, è importante mantenere diserbata l’area circostante. Questo favorisce l’assunzione dei nutrienti e l’apporto di acqua, promuovendo anche una migliore circolazione dell’aria, che aiuta a respingere le malattie. 

Alle zucche piace bere molta acqua, soprattutto quando si formano fiori e frutti. Quindi, se vedete la pianta in sofferenza, intervenite subito con l’acqua per non far appassire i fiori e avvizzire le radici. Se non piove, annaffiate profondamente almeno una volta alla settimana.

Attenzione anche ai parassiti. Più o meno nello stesso momento in cui le zucche cominciano a spuntare, arrivano anche i parassiti. Se vedete intorno alla pianta degli insetti piccoli e giallo-verdastri pallidi con strisce o macchie nere, dovrete intervenire con l’apposito insetticida. 

Poi dovrete fare attenzione alle foglie: i parassiti della zucca, che sporgono sul lato inferiore delle foglie quando i fiori sbocciano o quando appare la zucca, sono sempre in agguato. Anche in questo caso, dovrete intervenire con un buon insetticida organico.

Poi c’è l’oidio, che è la malattia più comune a tutte le piante dell’orto, che appare per la prima volta come un cumulo di puntini polverosi e grigiastri. In questo caso, potete facilmente risolvere con un prodotto a base di zolfo.

FAQ sulla zucca: tutto quello che vorresti sapere

Coltivare la zucca è considerato dai più un progetto ambizioso, che richiede spazio, impegno e pazienza. Ma non è poi così impossibile come si pensa. Per dimostrarvelo abbiamo raccolto una serie di domande tra le più frequenti. Così potrete scansare subito ogni dubbio e iniziare a coltivare la zucca senza pensieri.

Si possono piantare i semi partendo da una zucca?

Sarebbe meglio acquistare i semi in negozio, anche se le probabilità di riuscire a coltivare una zucca partendo dai semi di quella che avete già a casa ci sono. Diciamo che se siete principianti o se è la prima volta che vi dedicate alle zucche, meglio fare le cose in modo ortodosso.

Anche se i semi germinano nella maggior parte dei caso, possono produrre una pianta diversa, soprattutto in caso di impollinazione incrociata con un’altra specie di zucca. L’uso dei semi della vostra zucca potrebbe essere un esperimento divertente da provare, ma vale la pena spendere qualche soldo in semi controllati per far crescere le zucche in modo affidabile.

Si possono coltivare le zucche nei contenitori?

Certo che sì! Anzi, più grande è il contenitore, meglio è. Abbiate solo cura di monitorare il terreno dal momento che la terra all’interno dei contenitori si secca più facilmente e abbiamo detto poco sopra che la zucca ha bisogno di molta acqua per crescere bene

Di che cosa ha bisogno la pianta per crescere bene?

Per crescere bene la pianta della zucca ha bisogno di uno strato di paglia alla base, che fa da protezione soprattutto durante i mesi estivi. Questo trucchetto vi aiuterà a ridurre la perdita evaporativa di umidità dal terreno e a raffreddare un po’ il terreno per mantenere più pulita la pianta.

Quanto tempo ci vuole per coltivare una zucca?

Le zucche impiegano generalmente circa tre mesi per raggiungere la maturità, ma tutto dipende dalla varietà che scegliete di coltivare. Controllate sempre l’etichetta dei semi che acquistate in modo tale da poter organizzare il raccolto. In genere il periodo di crescita è di circa tre mesi.

È troppo tardi adesso per piantare zucche?

Dipende. Molte varietà hanno bisogno di almeno 100 giorni per crescere ed è per questo che luglio è un ottimo momento per iniziare a piantare i semi. Ma finché c’è abbastanza tempo prima che arrivi il vero freddo con le gelate invernali annesse, niente vi impedisce di piantare le zucche.

La zucca produce i fiori?

Sì, le piante di zucca producono fiori maschili e femminili. Potete distinguerli molto facilmente: i fiori maschili si aprono per primi e poi cadono, mentre quelli femminili sono più tardivi.

Come posso proteggere le mie zucche dai parassiti?

All’inizio della stagione, coprite le piante con un telo. Poi rimuovetelo quando i fiori cominciano a spuntare. Controllate sempre le zucche, i fiori e le foglie e se vedete che la vostra pianta è stata attaccata dai parassiti, utilizzate un buon prodotto insetticida, ma sempre nelle quantità indicate per non danneggiare il raccolto.

Come coltivare la zucca in vaso

zucca

Abbiamo detto che, perché no, la zucca si può coltivare anche all’interno dei contenitori e questa è una soluzione particolarmente utile per chi un orto non ce l’ha ma non vuole rinunciare ai piaceri della coltivazione.

Quindi, se non avete l’orto e non avete nemmeno un giardino, potete coltivare la zucca anche sul vostro balcone o sul terrazzo. Tutto quello che vi serve è un vaso abbastanza grande. Ovviamente non potrete dedicarvi alla coltivazione di zucche grandi, ma dovrete puntare su varietà più piccole, quelle arancioni per intenderci. Ecco allora come fare:

  • Scegliete un vaso di dimensioni giuste, sia in larghezza ma anche in profondità. Dovrete scegliere un vaso per ogni zucca, in modo da lasciare a ogni zucca il suo spazio vitale.
  • Iniziate la semina in primavera, inserendo i semi nella terra a 3 o 4 centimetri di profondità e coprendoli bene con la terra.
  • È necessaria  un’annaffiatura frequente e abbondante: non bisogna però esagerare, altrimenti all’interno del vaso di creerà l’habitat perfetto per funghi e batteri.
  • Se scegliete le piante di zucche ornamentali, ricordate che queste piante sono rampicanti e che hanno quindi bisogno di un sostegno a cui appoggiarsi: in questo caso procuratevi dei paletti di legno.

La zucca: 5 curiosità che non conoscevi

varietà di zucca
  • Della zucca non si butta via niente, nemmeno la buccia! La zucca si sbuccia per comodità ma, proprio come le patate, la buccia è perfettamente commestibile. Potete aggiungere la buccia alla zuppa, alla confettura oppure cuocerla al forno. Basta lavarla bene!
  • La zucca nasce come un recipiente e non è sempre è stata un frutto da mangiare. Già alcune tribù del sud-america la coltivavano sin dal 5000 a.C., ma per lo più era utilizzata come recipiente, per trasportare l’acqua o il vino. Le zucche più piccole erano utilizzate anche come contenitori per il tabacco. Lo sapevate?
  • Fa bene alla pelle del viso perché ricca di proprietà e vitamine. Con la zucca si possono preparare tante maschere di bellezza adatte a tutti i tipi di pelle. Per un incarnato più bello, purificato e luminoso.
  • Ce ne sono tantissime varietà, forme e colori diversi. Tra le più conosciute e famose c’è la Marina di Chioggia, che ha un bel colore verde, la classica forma a sfera schiacciata, la polpa è arancione oppure gialla. Questa zucca è ideale per la preparazione dei risotti o delle vellutate. C’è poi la zucca lunga di Napoli, dall’inconfondibile forma allungata che la fa assomigliare a un cilindro. Questa zucca è molto dolce e profumata, ideale per preparare la pasta o da cuocere alla griglia. E poi c’è la zucca Mantovana, che ha un aspetto molto simile alla Marina di Chioggia, abbastanza dolce e dal gusto aromatica, ottima per preparare il ripieno dei tortelli e degli gnocchi.
  • Anche i semi si mangiano. E sono anche un vero toccasana, ricchi di zinco e magnesio, energetici, proteici e anche tonificanti. Si possono gustare insieme all’insalata oppure da soli, come snack sano e gustoso.

Adesso non avete più scuse, è tempo di coltivare la zucca e, per chi l’ha già fatto, il momento del raccolto è sempre più vicino!