Quando si avvia la coltivazione di ortaggi o frutti si può decidere di partire dalle piantine già cresciute piuttosto che dalle semenze; ovviamente la pianta già cresciuta offre alcuni vantaggi, primo tra tutti il fatto di non rischiare che le semenze non germoglino o di perdere la pianta quando ancora non si è irrobustita abbastanza per essere trapiantata, ma significa anche doverle acquistare e non essere certi della qualità dei frutti.

Un ottimo modo per risparmiare denaro e al contempo avere la certezza di avviare la coltivazione di un ortaggio di qualità, è quello di partire dalle semenze di un frutto che abbiamo in casa e del quale abbiamo già assaporato il gusto.

È proprio il caso del metodo che stiamo per vedere; si tratta di un semplice trucchetto in grado di dare ottimi risultati a costo zero e in brevissimo tempo, il pomodoro infatti germoglierà entro 5 o 6 giorni.

I pomodori sono ortaggi davvero versatili, oltre ad essere belli da vedere e quindi adatti anche alla coltivazione a scopo ornamentale; esistono moltissime qualità, tra cui le varietà nane che si prestano molto bene alla coltivazione domestica, in piccoli contenitori piuttosto che in vasi appesi.

Se, invece, avete a disposizione un piccolo orto o una zona del giardino che possieda le giuste caratteristiche in merito al suolo e all’orientamento, potente decidere di coltivare varietà di grandi dimensioni e scegliere tra un gran numero di qualità differenti di pomodori.

Vediamo, quindi, come far germogliare un pomodoro per ottenere nuove piantine in poche semplici mosse.

1.

Per prima cosa occorre procurarsi un pomodoro; si può scegliere un pomodoro di qualsiasi varietà a patto che al suo interno vi sia una buona quantità di semi.

2.

far germogliare un pomodoro

Tagliare il pomodoro in senso verticale, a fette di circa mezzo centimetro di spessore e selezionare per lo scopo la fetta centrale e le due accanto a questa; si tratta infatti di quelle che contengono la maggiore quantità di semenze.

3.

far germogliare un pomodoro

Riempire un contenitore di diametro adatto a contenere comodamente le tre fette di pomodoro appena tagliate con del terriccio specifico per semenze; è possibile acquistarlo oppure farlo da sé seguendo le giuste indicazioni in merito alla composizione.

Per realizzare un ottimo terriccio per semenze occorre miscelare il 60% di substrato e compost con il 40% di humus di lombrichi, ed aggiungere poi alcuni ingredienti in grado di garantire il giusto livello di drenaggio, umidità ed areazione, ovvero sabbia di fiume e vermiculite, un ritentore idrico biologico che se distribuito sopra il terriccio dei semenzai limita l’evaporazione dell’acqua, migliora l’isolamento termico e riduce la cadenza delle annaffiature obbligatorie.

La miscela così ottenuta andrà resa il più possibile sottile ed omogenea; il modo migliore per ottenere un composto compatto e leggero è quello di utilizzare le mani.

4.

far germogliare un pomodoro

A questo punto disporre le tre fette di pomodoro sopra al terriccio, una di fianco all’altra, se possibile alla stessa distanza.

5.

far germogliare un pomodoro

Coprire le fette di pomodoro con il terriccio per semenze creando una copertura di circa mezzo centimetro o poco più, in modo da non ostacolare l’areazione.

6.

far germogliare un pomodoro

Infine, irrigare con abbondante acqua, meglio se demineralizzato o piovana, e posizionare il contenitore in un luogo del giardino molto soleggiato o all’interno dell’abitazione in una posizione luminosa.

7.

far germogliare un pomodoro

Trascorsi 5 o 6 giorni si potranno osservare i primi germogli e dopo circa due settimane potremmo eliminare le piantine più deboli e trapiantare la più radicata e forte nel contenitore definitivo piuttosto che nell’orto.