fbpx
Piante e Fiori

Come coltivare la Triostar stromanthe

Scritto da 27/08/2021 Nessun commento

Per la rassegna piante d’appartamento, parliamo oggi una pianta da interno molto bella da vedere, non troppo facile da coltivare a causa delle sue esigenze un po’ particolari. Detto questo, non vuol dire che sia impossibile da gestire come pianta d’appartamento. Ecco allora quali sono tutte le informazioni necessarie e conoscerla meglio.

La Triostar stromanthe (nome botanico Stromanthe sanguinea ) è una pianta dal fogliame impressionante e variegato, con vivaci sfumature di rosa che in alcune varietà possono anche essere azzurre. Può essere coltivata all’aperto in climi caldi e umidi, ma rende meglio al chiuso ed è per questo che è più comunemente coltivata come pianta da appartamento.

La Triostar piega le foglie di notte e per questo può essere spesso confusa con la molto simile Calathea.  Sebbene i fiori possano svilupparsi in primavera se tenuti all’aperto, sono le grandi foglie colorate che sono la sua attrazione principale sia che la coltiviate all’esterno o dentro casa.

È una pianta a crescita moderatamente rapida, ma diventerà un po’ capricciosa e rallenterà quando si sentirà disturbata, legata alle radici o non riceverà abbastanza luce.

Nome botanicoStromanthe sanguinea
Nome comuneStromanthe triostar
Tipo di piantaPerenne tropicale
Dimensione matura60-70 cm
Esposizione al soleSole parziale
Tipo di terrenoTerreno leggero e ben drenante
pH del terrenoGeneralmente tra 6.0 e 8.0
Tempo di fiorituraFiorisce raramente, ma se lo fa, sarà tra marzo e aprile
Colore del fiorebianco con sfumature rosa
Vaso indicatoDiametro di 12 cm
Area nativaGiungla amazzonica in Sud America
Stromanthe sanguinea, una bella pianta da interno dal fogliame di colore rosa

Cura della Triostar stromanthe

Questa non è una pianta per giardinieri alle prime armi, questo va precisato. Ha bisogno di molta attenzione e nutrimento per mantenerla prospera proprio nell’ambiente più idoneo in cui ha bisogno di crescere. Ma, come sempre, con un po’ di buona volontà, niente è impossibile!

Le Triostar crescono meglio in condizioni calde e umide, ed è per questo che tendono ad essere considerate ideali piante d’appartamento, meglio ancora se posizionate in una finestra con sufficiente luce indiretta. E ricordate: tenete la pianta lontana da termosifoni e condizionatori.

Girare la pianta una volta alla settimana può aiutare a garantire una buona distribuzione uniforme delle foglie, poiché cresceranno nella direzione della luce. La nebulizzazione invece può aiutare a creare l’umidità di cui ha bisogno.

La Triostar stromanthe dovrebbe essere invasata in un terreno fertile e ben drenato, mantenuto umido ma non troppo inzuppato d’acqua. Pena: marciumi radicali.

Esposizione

Le piante tropicali spesso hanno bisogno di una luce che imiti quella che si troverebbe in un ambiente di foresta pluviale.

Posizionare la pianta in un’area con una buona luce fornirà le migliori possibilità di prosperare. Se riceve troppo sole diretto, le foglie potrebbero bruciare. La cosa migliore da fare in questi casi è fare delle prove fino a quando non avrete trovato per lei il luogo migliore della casa in cui crescere. Una volta che l’avrete trovato, lasciatela al suo posto e non spostatela più.

Come pianta d’appartamento, spolverate le foglie di tanto in tanto in modo che la pianta possa ricevere più luce.

Suolo

Questa pianta ha bisogno di un terreno ben drenante, traspirante e leggero. Anche se ha bisogno di trattenere l’umidità, la terra non dovrebbe essere mai troppo pesante.

Acqua

Garantire che la pianta riceva una quantità d’acqua costante e appropriata è fondamentale. Sbagliate questo passaggio e la pianta può rapidamente rallentare la sua crescita.

È preferibile mantenere il terreno costantemente umido, ma non impregnato d’acqua. In climi più freschi, questa pianta può essere mantenuta un po’ più asciutta. Lasciate asciugare solo la parte più alta del terreno, prima di irrigare. Questo è un buon metodo bilanciato per ottenere buoni risultati.

Questa pianta può anche essere esigente riguardo alla qualità e alla temperatura dell’acqua. L’acqua del rubinetto non è ottimale perché le foglie sono sensibili alle sostanze chimiche presenti nell’acqua normale, soprattutto se l’acqua è particolarmente dura e ricca di calcare. L’acqua distillata è l’ideale, ma va bene anche l’acqua di sorgente se potete procurarvela. Assicuratevi sempre che l’acqua non sia troppo fredda.

Saprete se la pianta ha problemi di irrigazione perché le sue foglie diventeranno marroni o gialle. Se le foglie diventano marroni, toglietela dal vaso e fatela scolare, poi sciacquate e travasate. Le foglie gialle indicano che il terreno è impregnato d’acqua e deve asciugarsi prima di annaffiare di nuovo. Avrete bisogno di pazienza per questo processo perché potrebbero volerci un paio di settimane. Se il terreno non si secca, è il momento di rinvasare la pianta.

Temperatura e umidità

Come ci si aspetterebbe da una varietà di piante tropicali, la Triostar preferisce un ambiente umido e temperature calde. Funziona meglio a temperature di circa 18-20 gradi.

Molte persone tengono questa pianta in prossimità della finestra del bagno per avere un maggiore apporto di umidità. A questa pianta non piacciono gli ambienti che hanno un caldo secco o sono esposti all’aria condizionata.

Fertilizzante

Nutrire la Triostar con un fertilizzante diluito e bilanciato ogni due settimane può incoraggiarla a prosperare. Assicuratevi che la soluzione non sia troppo forte o applicata troppo frequentemente in quanto questo può provocare bruciature alla radice.

Se optate per il fertilizzante organico, potrebbe essere meno forte e potrebbe non essere necessario diluirlo.

Ricordate: la pianta non avrà bisogno di essere fertilizzata durante la sua dormienza nei mesi invernali.

Stromanthe sanguinea in vaso

Propagazione della Triostar Stromanthe

Sfortunatamente, non è possibile far crescere una di queste piante da una talea. Se desiderate quindi coltivare un’altra pianta, puoi separare alcuni rizomi – gruppi di radici – da una pianta madre sana. Dovete solo assicurarvi che ogni divisione abbia almeno tre o quattro foglie attaccate, che il terriccio sia umido e di buona qualità e che sia primavera o estate. Bisogna sempre procedere prima che inizi una nuova crescita.

Questa è un’operazione un po’ complessa, come tutte quelle di propagazione del resto. Quindi se siete alle prime armi, il nostro consiglio è quello di allenarvi prima con la sua coltivazione. Poi, penserete, eventualmente, alla fase di propagazione.

Invasatura e rinvaso

Proprio come per le piante d’appartamento comuni, le Triostar crescono bene all’interno di un bel vaso. Dovete solo assicurarvi che i vasi siano abbastanza profondi da ospitare le radici, ma non così in profondità da far affondare l’acqua e farla diventare stagnante. Sono necessari molti fori di drenaggio per prevenire il ristagno d’acqua.

Rinvasare la pianta dopo un paio d’anni può aiutarla a prosperare. Cercate le radici che iniziano a crescere dal fondo del vaso. Se le trovate, è arrivato il momento di rinvasare. È meglio fare questa operazione sempre in primavera.

Parassiti e malattie comuni

La pianta può attirare afidi comuni e acari se l’umidità è molto bassa. Un sapone delicato per l’orticoltura o uno spray all’olio di neem può eliminare questo problema. Se la pianta diventa troppo secca, può attirare funghi e muffe. Ecco perché è importante nebulizzare la pianta ogni giorno per mantenere umido l’ambiente.

Leave a Reply