fbpx

Se avete una grande passione per le piante succulente, allora sarete a interessati a conoscere la storia di una pianta bella, elegante e molto particolare: la Rosa del deserto, una succulenta dai bellissimi fiori, dannata quanto basta da essere velenosa, ma molto, molto scenografica.

Ecco tutto quello che c’è da sapere per coltivarla al meglio e per godere dei suoi bellissimi fiori!

Coltivazione della rosa del deserto

La rosa del deserto (Adenium obesum) è una pianta succulenta a crescita lenta che vanta uno stelo denso e fiori di colore rosa intenso. Appartiene ai generi Apocynaceae ed originaria dell’Africa, del Medio Oriente e del Madagascar. La rosa del deserto è l’unico Adenium che si trova in stato di ampia coltivazione, sebbene sia stata ampiamente ibridato per ottenere diversi colori dei fiori, come l’arancione.

In molti climi tropicali e più caldi questo fiore è un’amata pianta ornamentale da esterno, mentre in altre parti del mondo è usata per aggiungere colore agli interni della casa. È meglio piantarla in primavera e in inverno soffre un po’, ma può essere tenuta in foglia se riceve temperature abbastanza calde e un po’ d’acqua. Nel complesso, questa varietà è abbastanza facile da curare e ripaga alla grande con la sua bellezza in fiore.

Nome botanicoAdenium obesum
Nome comuneRosa del deserto, Oleandro del Madagascar
Tipo di piantasucculenta
Dimensione matura2,5 metri
Esposizione solarepieno sole
Tipo di terrenoSabbioso, ben drenato
pH del terrenoDa neutro ad acido 
Tempo di fiorituraEstate
Colore del fiorerosa, rosso
Caratteristiche fioreSimile all’oleandro
Zona nativaAfrica
TossicitàTossico per gli animali e l’uomo

La cura della rosa del deserto

Prendersi cura di una Rosa del deserto è semplice, ma ci vuole comunque attenzione. Simile a molte piante della famiglia delle succulente, ci sono due elementi principali da considerare quando si tratta di coltivare con successo questa pianta: molta luce e irrigazione regolare. La pianta preferisce temperature costantemente calde, motivo per cui, in molte zone viene considerata una pianta da interno. 

La pianta fiorisce tipicamente durante i mesi estivi, con vivaci fiori rosa e rossi e foglie verde brillanti, prima di perdere entrambi e andare in letargo per l’inverno. Ma attenzione: la linfa della pianta della rosa del deserto è estremamente tossica e bisogna fare attenzione a tenerla fuori dalla portata dei bambini e degli animali domestici. 

Esposizione

La pianta della Rosa del deserto prospera meglio in un ambiente pieno di sole, quindi scegliete un punto della casa per ospitare la pianta che riceve molta luce durante il giorno, come un davanzale luminoso o una veranda. Se vivete in ​​una zona in cui la pianta della rosa del deserto può essere coltivata con successo all’aperto, scegliete un punto del tuo giardino che non sia ombreggiato da piante più alte ma che offra un po’ di protezione dal sole di mezzogiorno, in quanto i raggi del sole, quando sono alti, potrebbero bruciare le foglie della pianta.

Suolo

Come suggerisce il nome, la pianta della rosa del deserto viene utilizzata per condizioni naturali molto secche, simili al deserto. Lo stesso vale per il suo amore per la luce e le temperature più calde, così come per il suo bisogno di terreno sabbioso o ghiaioso che sia ben drenante. Il terreno dovrebbe vantare un pH da neutro ad acido, oscillando idealmente intorno a 6,0.

Acqua

La pianta della Rosa del deserto ha esigenze diverse quando si tratta di acqua, a seconda del periodo dell’anno e della temperatura. Durante la sua stagione di crescita (tarda primavera ed estate), il terreno dovrebbe essere mantenuto umido, ma mai saturo. Controllate periodicamente il terreno, lasciandolo asciugare completamente prima di somministrare un’altra annaffiatura. Inoltre, abbiate cura di piantare la Rosa del deserto in un vaso che vanta ampi fori di drenaggio, poiché può essere soggetta a marciume se la terra diventa troppo umida (anche un vaso di terracotta può aiutare con l’umidità in eccesso).

Nei mesi autunnali e invernali (quando in genere la pianta va in letargo), potete ridurre drasticamente l’umidità, annaffiando solo in minima parte e una volta al mese circa. Se siete curiosi di sapere se la pianta riceve abbastanza acqua durante la sua stagione di crescita, potete osservare il suo tronco per avere la risposta. Un tronco gonfio e spesso (in proporzione alle dimensioni della pianta) è un’ottima indicazione che la pianta è ben idratata.

Temperatura e umidità

La pianta dovrebbe essere sempre mantenuta a temperature calde: morirà rapidamente se esposta a temperature fredde. Se avete piantato la rosa del deserto all’aperto, sappiate che c’è il rischio che non sopravviva alle gelate che potrebbero portare i mesi autunnali o invernali. L’umidità non è importante per la rosa del deserto, poiché è abituata al clima secco e caldo offerto dal deserto.

Fertilizzante

Potete nutrire la rosa del deserto con fertilizzante liquido (diluito per metà) una volta al mese durante il suo periodo di crescita attiva. Non concimate la pianta durante il suo periodo dormiente.

La pianta della rosa del deserto è tossica?

Se vivete in ​ casa con animali domestici o bambini piccoli, una pianta di rosa del deserto potrebbe non essere la scelta giusta. Il fusto è molto pericoloso, a causa della sua linfa lattiginosa che possiede tossine letali ( che un tempo venivano infatti utilizzate nelle frecce avvelenate per la caccia in Africa). Tutte le parti della pianta sono considerate tossiche, compreso lo stelo, il tronco, le radici, le foglie e i fiori.

Propagazione della Rosa del deserto

La rosa del deserto può essere propagata per talea di ramo, ma le piante spesso non riescono a sviluppare il caratteristico (e molto desiderato) fusto bulboso. Per esporre lo stelo, vi consigliamo di iniziare a coltivare la pianta in un vaso alto e sottile prima di trapiantarla in un vaso più corto che consentirà di lasciare scoperta un po’ della radice.

Rinvaso di una rosa del deserto

La Rosa del deserto si rinvasa secondo necessità, preferibilmente durante la stagione calda. Quando rinvasate qualsiasi tipo di succulenta, dovreste prima assicurarvi che il terreno sia completamente asciutto prima di rimuovere delicatamente la pianta dal vaso. Eliminate il vecchio terreno dalle radici, assicurandovi di rimuovere eventuali radici marce o morte nel processo. Trattate eventuali tagli con una soluzione fungicida e antibatterica. Mettete la pianta nel suo nuovo vaso e riempite con terriccio, allargando le radici mentre rinvasi. Lasciate asciugare la pianta per una settimana circa, quindi iniziate ad annaffiare leggermente per ridurre il rischio di marciume radicale.

Rosa del deserto: il linguaggio dei fiori

Rosa del deserto in vaso

Nel linguaggio dei fiori questa pianta e è associato all’amore vero e durevole, in grado di resistere a ogni avversità.

Questo perché per le sue caratteristiche, da sempre la Rosa del deserto viene vista come una pianta resistente alla siccità, in grado di vivere bene in terreni anche privi di acqua, che però bisogno di attenzioni continue per regalare fiori bellissimi.

Leave a Reply