fbpx

Le margherite non sono solo quelle bianche e gialle che troviamo nei campi. Ce ne sono molte altre, di dimensioni più grandi e dai colori più vividi e accesi, perfette per portare una nota di colore in giardino. Una di queste specie è la margherita africana: bella da vedere, facile da coltivare e molto versatile!

Le margherite africane, o margherite del capo, assomigliano molto alle margherite comuni, con petali che si irradiano attorno a un disco centrale. Fanno parte della famiglia delle Asteraceae , ma la loro colorazione non è affatto come quella della classica margherita. Quando le margherite africane furono introdotte per la prima volta sul mercato, si decise di tingerle in modo artificiale. Ecco perché i dischi centrali dei fiori possono persino sembrare colorati con vernice metallizzata. 

Le foglie variano in base alla varietà; possono essere lanceolate o largamente ovate e lisce, dentate o lobate. I petali possono essere lisci e piatti come una tipica margherita, oppure possono irradiarsi a forma di cucchiaio. Questi fiori sono meglio piantati in primavera, dopo che è passata la minaccia del gelo, e hanno un tasso di crescita abbastanza rapido, fiorisce circa due mesi dopo la semina.

Queste margherite sono originarie dall’Africa meridionale e sono conosciute con il nome meno comune di margherite del capo. Nella stessa zona sono presenti altre margherite, di colore viola e perenni, chiamate osteospermum. Si tratta di due specie che vengono confuse molto di frequente, e altrettanto spesso si sono creati ibridi dei due generi, di colore vario e sempre perenni.

Nel ricco mondo delle margherite spesso è facile confondersi tra le diverse specie di fiori. Uno degli errori che capita più di frequente riguarda la margherita blu, una pianta che in realtà appartiene alla famiglia delle Questa agathee e viene spesso chiamata con il nome di margherita e confusa con la margherita africana.

Margerita africana, perfetta per dare un tocco di colore al giardino
Nome botanicoOsteospermum spp.
Nomi comuniMargherita africana, margherita del Capo
Tipo di piantaPerenne
Dimensione matura30 cm
Esposizione solarePiena
Tipo di terrenoUmido, ben drenato
pH del terrenoacido
Tempo di fiorituraPrimavera, estate, autunno
Colore del fioreViola, rosa, giallo, arancione, bianco, bicolore
FamigliaAsteracee
Area nativaAfrica, Asia
TossicitàNon tossica

Coltivare la margherita africana

Le margherite africane si possono coltivare allo stesso modo nel terreno o in vaso. Le fioriture raggiungono il picco tra la tarda primavera e l’inizio dell’estate e ancora tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno. Poiché le margherite africane smettono di fiorire durante i periodi caldi, sono meglio coltivate in combinazione con altre piante che avranno il loro picco di fioritura proprio durante l’estate.

Questi fiori richiedono poca manutenzione se coltivati ​​nell’ambiente giusto. Assicuratevi che abbiano molto sole e terreno con un buon drenaggio. Pianificate di annaffiare e concimare regolarmente durante la stagione di crescita (dalla primavera all’autunno).

Esposizione

Le margherite africane fioriscono meglio in pieno sole. Possono tollerare l’ombra parziale, ma questo probabilmente farà sì che producano meno fiori. Inoltre, i fiori si aprono generalmente in risposta alla luce e si chiudono di notte e con tempo nuvoloso. Tuttavia, alcune cultivar più recenti rimangono aperte anche di notte.

Suolo

Le margherite africane preferiscono un terreno ricco di sostanze organiche con un forte drenaggio e un pH del terreno leggermente acido. Aggiungete compost o altra materia organica al terreno al momento della semina per migliorare il drenaggio e aggiungere sostanze nutritive.

Acqua

Sebbene in qualche modo tolleranti alla siccità una volta stabilite, le margherite africane hanno bisogno di una discreta quantità di acqua per crescere al meglio. Durante i periodi di siccità o di caldo intenso, le piante rallenteranno e tenderanno ad andare in letargo. Cercate di mantenere il terreno uniformemente umido, ma non esagerate mai con l’acqua, poiché il terreno inzuppato può favorire malattie come il marciume radicale. E addio margherite!

Temperatura e umidità

Le margherite africane preferiscono il clima mite, che è il periodo in cui fioriscono più abbondantemente. Possono sopportare temperature notturne ben fresche, anche se il gelo può danneggiarle o ucciderle. L’umidità in genere non è un problema per loro, purché abbiano una buona circolazione dell’aria e un’adeguata irrigazione e drenaggio del suolo.

Fertilizzante

Questi fiori hanno bisogno di nutrimenti per crescere e fiorire al meglio. Oltre a mescolare il compost nel terreno, applicate un fertilizzante per piante da fiore mensilmente durante la stagione di crescita per garantirvi una crescita folta e colorata.

Varietà di margherite africane

Margherita africana di colore rosa

Esistono dozzine di specie e di varietà di margherite africane, tra cui:

  • Osteospermum ‘Passion Mix’: questa pianta compatta raggiunge circa 30 cm di altezza ed è disponibile in una varietà di colori (rosa, viola, rosa e bianco), tutti con il centro blu. Questa è una varietà facile da coltivare a partire dal seme ed è nota per la sua tolleranza al calore.
  • Osteospermum ‘4D’: Conosciuti per i loro centri soffici e trapuntati, questi fiori rimangono aperti tutto il giorno anche quando fa caldo. Le piante crescono fino a 35 cm di altezza.
  • Osteospermum ‘Flower Power Spider White’: questi fiori hanno strani petali a forma di cucchiaio, bianchi e lavanda con un centro dorato. Le piante crescono circa 30 cm di altezza.
  • Osteospermum ‘Lemon Symphony’: i petali giallo burro di questa pianta hanno un centro viola e un occhio arancione. Anche questa varietà cresce di circa 30 cm di altezza.
  • Osteospermum ‘Sideshow Copper Apricot’: Questa varietà ha straordinari fiori color albicocca pallida con un disco centrale viola. E cresce fino a 30 cm di altezza.

Propagazione delle margherite africane

La maggior parte delle varietà di margherite africane sono specie ibride e non cresceranno dai semi messi da parte a partire dalle piante. Ma potete facilmente propagare le vostre piante per talea. 

Per fare questo, riempite prima un vassoio poco profondo con una miscela terreno e di semi. Inumidite leggermente la miscela. Quindi, prendete le talee delle piante che abbiano almeno due serie di nodi fogliari. Pizzicate eventuali boccioli di fiori presenti e rimuovete le foglie inferiori. Immergete l’estremità tagliata, quindi piantate l’estremità tagliata nel mix di partenza del seme. Coprite il vassoio con una cupola di plastica e posizionatelo in un luogo con luce indiretta. In quattro-sei settimane, le piante dovrebbero essere sufficientemente radicate da poter essere trapiantate in vasi o in un giardino all’aperto.

Parassiti e malattie comuni

Non ci sono molti parassiti o malattie che attaccano le margherite africane se le piante vengono mantenute senza stress nell’ambiente appropriato. Tuttavia, in condizioni umide o umide, fate attenzione alle malattie fungine, come la muffa grigia, che provoca fogliame danneggiato o scolorito. Cercate di migliorare la circolazione dell’aria, che può combattere le malattie fungine, e usate un fungicida se necessario. Inoltre, alcuni comuni parassiti delle piante, tra cui le mosche bianche e gli afidi, possono diventare un problema, soprattutto per le piante già stressate.  

Leave a Reply