fbpx

Che primavera ed estate sarebbero senza un bel giardino aromatico, inebriante e profumatissimo? E allora oggi parliamo di timo, un’aromatica particolarmente semplice da coltivare che vi darà grandi, grandissime soddisfazioni. Provare per credere!

Il timo ( Thymus vulgaris)  è una pianta perenne, legnosa e a crescita bassa che si comporta particolarmente bene anche nelle condizioni piuttosto secche e soleggiate. Si tratta di un’erba mediterranea, ottima per aggiungere un delicato sapore in cucina e che si fonde bene con altri sapori della regione del mediterraneo, come l’aglio, il basilico e i pomodori.

Si ritiene inoltre che il timo abbia proprietà antisettiche e conservanti e che sia stato una pianta a lungo utilizzata in medicina, oltre che per conservare le carni. I suoi minuscoli fiori tubolari rosa, lavanda o bianchi a seconda dei casi, compaiono nei mesi primaverili ed estivi e sono molto apprezzati dalle api. Le sue minuscole foglie grigio-verdi rimangono sempreverdi e la maggior parte delle varietà di timo può essere raccolta anche in inverno nelle zone in cui cresce come pianta perenne.

Il timo può essere piantato quasi in qualsiasi momento dell’anno. Sarà abbastanza maturo da consentire il raccolto entro pochi mesi, quindi tornerà in modo affidabile anno dopo anno nelle zone climatiche in cui è resistente.

Nome botanicoThymus vulgaris
Nome comuneTimo, Timo comune, Timo da giardino, Timo inglese
Tipo di piantaErbacea perenne
Dimensione15-30 centimetri di altezza
Esposizione solarepieno sole
Tipo di terrenoLimoso, sabbioso
pH del terrenoDa acido ad alcalino (da 6.0 a 8.0)
VarietàThymus x citriodorus, hymus pseudolanuginosus, Thymus praecox 
Area nativamediterraneo
TossicitàNon tossico

Come piantare il timo

piantare il timo

Il timo è un’erba ampiamente adattabile, in grado di essere coltivata praticamente ovunque, il che la rende molto versatile e perfetta da piantare e da coltivare in diversi contesti. Diverse varietà di timo hanno abitudini di crescita differenti: alcune si caratterizzano per i gambi di fiori, altre ancora cadono a cascata. Il timo è spesso usato come copertura del terreno ed è in grado di crescere nelle fessure tra le rocce. E potete persino acquistare semi sfusi per creare un prato di timo.

La maggior parte delle varietà di timo cresce bene da sola, senza particolari accorgimenti. Date al timo un posto in pieno sole, un bel terreno umido, la giusta dose di acqua… e non vi deluderà!

Cura del timo

coltivazione di timo

Luce

Le piante di timo prosperano meglio in pieno sole, probabilmente a causa delle loro origini mediterranee. Piantatelo in un punto soleggiato ed esposto del giardino o in fioriere decorative che possono essere spostate durante il giorno per inseguire la luce. Se state coltivando una pianta di timo in casa, riponetela su un davanzale soleggiato o, ancora meglio, in una stanza che riceve molti raggi durante il giorno, come una veranda.

Suolo

Peggiore è il vostro terreno, migliore sarà la crescita della pianta di timo. E non è uno scherzo! Questa pianta preferisce il terreno sabbioso o argilloso invece del terreno umido, ma può persino prosperare nella ghiaia rocciosa. Il timo cresce rapidamente, quindi distanziate le piante di almeno 30 cm l’una dall’altra quando le sistemate nel terreno. Se invece state piantando in un vaso, scegliete un vaso più grande per consentire al timo di crescere bene al suo interno. Anche optare per un vaso di terracotta è utile, in quanto può eliminare l’umidità aggiuntiva dal terreno e aiutare a creare l’ambiente giusto per il timo.

Acqua

Per nutrire adeguatamente la tua pianta di timo, annaffiatela solo occasionalmente. Ogni due settimane o anche una volta al mese dovrebbe essere sufficiente, a seconda del clima esterno. Dovreste aspettare che il terreno sia completamente asciutto, quindi annaffiare fino a saturazione, quindi lasciarlo asciugare di nuovo. Il timo è anche resistente alla siccità, quindi non preoccupatevi se passate qualche giorno in più senza dargli acqua.

Temperatura e umidità

Le piante di timo non hanno esigenze particolari in termini di temperatura e umidità e possono prosperare per la maggior parte dei mesi dell’anno fino al gelo (a quel punto andranno in letargo per l’inverno). Il loro più grande periodo di crescita è durante i mesi estivi: questo è anche il momento in cui noterai i loro fiori in fiore, che attireranno le api e vari altri insetti (eh sì, dobbiamo farcene una ragione!)

Fertilizzante

Trattate le piante di timo ogni primavera con un fertilizzante ben diluito. Mantenere il fertilizzante a metà forza impedirà alla pianta di produrre troppe foglie, il che potrebbe influire in modo negativo anche sulla profumazione delle foglie, grande punto di forza della pianta di timo.

Varietà di timo

Se volete puntare su qualcosa di un po’ diverso dal timo comune ( T. vulgaris ), ecco alcune varietà spesso piantate:

  • Timo limone doratoThymus x citriodorus ‘Aureus’): questo timo ha un vero profumo di limone e vanta foglie dorate e variegate.
  • Timo lanoso ( Thymus pseudolanuginosus ): va a formare un tappeto molto morbido e piatto, questa varietà non ha profumo, quindi non viene utilizzata per cucinare. Cade bene nei giardini rocciosi e può crescere nelle fessure del patio.
  • Timo del cumino ( Thymus herba-barona ): questo vitigno è a crescita bassa, con fiori rosa pallido e profumo di cumino.
  • Timo strisciante ( Thymus praecox ): Fedele al suo nome, questa varietà cresce come un tappeto basso, alto solo 5-10 centimetri, con fiori rosa, magenta, lavanda o bianchi. È spesso usato come copertura del terreno.

Raccolta

Una volta stabilite e ben assestate, le piante di timo possono essere raccolte in qualsiasi momento, poiché il sapore delle foglie viene mantenuto anche dopo la fioritura. Basta tagliare alcuni steli ogni volta che volete aggiungere un pizzico di aroma ai vostri piatti!

Propagazione del timo

Il timo è piuttosto difficile da propagare dai semi, quindi il metodo più comune è prendere talee e radicarle.

Taglia uno stelo lungo circa 15 cm, preferibilmente uno ben consolidato ma non troppo legnoso. Gli steli dovrebbero avere un sacco di nuova crescita verde, ma la parte inferiore dello stelo può essere più matura.

Rimuovete tutte le foglie tranne due o tre. Piantate la talea in un contenitore riempito con normale terriccio misto a sabbia o perlite. Coprite il contenitore con un sacchetto di plastica non fissato per trattenere l’umidità.

Posizionate il contenitore in un luogo con luce indiretta brillante e mantenete il terreno umido fino all’inizio di una nuova crescita. Una volta al giorno, rimuovete il sacchetto di plastica e lasciate che il taglio goda di un po’ di circolazione d’aria. Dopo circa sei settimane, la talea svilupperà un apparato radicale sufficiente per poter essere trapiantata in un contenitore più grande, in vaso o direttamente in giardino.

Parassiti e malattie comuni

Il timo non ha problemi seri ed è considerato una pianta piuttosto resistente, ma può sviluppare marciumi radicali se piantato in un terreno che trattiene troppa umidità. Evitate quindi di piantare il timo in un terreno troppo denso o troppo ricco.

Leave a Reply