fbpx

Il giglio orientale ( Lilium ‘Stargazer’) include ibridi creati da un gruppo selezionato di specie dell’Asia orientale, tra cui  L. auratum ,  L. speciosum e L. japonicum . I gigli orientali sono noti per avere grandi fiori a forma di scodella piatta che sono insolitamente profumati. Fiorisce a metà-fine estate.

È stato sviluppato alla fine degli anni ’70 come incrocio tra Lilium auratum e L. speciosum per creare intenzionalmente un fiore con fiori rivolti verso l’alto piuttosto che pendenti. Le punte dei fiori sono riflesse, nel senso che si incurvano all’indietro verso lo stelo e sfoggiano stami lunghi e vistosi. Sono tra i fiori più profumati che ci siano, con un aroma speziato che alcune potrebbero trovare un po’ forte. 

Abbastanza alti da poter essere piantati nella fila centrale o nell’ultima fila di un’aiuola, questi gigli possono fungere da punti focali, poiché attirano sicuramente l’attenzione di chi li guarda con grandi fiori dai colori vivaci. 

L’autunno è il periodo giusto per piantare i bulbi nel terreno, ma se perdete questo periodo di semina, potete anche farlo all’inizio della primavera non appena il terreno può essere lavorato.

Nome botanicoLilium ‘Stargazer’
Nome comuneGiglio Stargazer, Giglio Stargazer, Giglio Orientale
Tipo di piantaBulbo perenne
Dimensione maturaFino a 1 metro di altezza
Esposizione al solePieno sole
Tipo di terrenoTerreno argilloso, ben drenato, uniformemente umido
PH del suolo6.3–6.8 (leggermente acido)
Tempo di fiorituraEstate
Colore del fioreDa rosa a cremisi, con bordi bianchi e macchie scure; disponibili anche varietà bianche e arancioni
Tempo per piante i bulbiautunno
Area nativaibrido da vivaio sviluppato nel 1978; le specie madri sono originarie dell’Asia orientale
TossicitàTossico solo per i gatti
Giglio orientale, un fiore delicato ed elegante

Come piantare i bulbi

Piantate i bulbi in autunno o all’inizio della primavera, in gruppi di tre o cinque per dare un aspetto gradevole al giardino. Sistemate del pacciame alla base delle piante per mantenere il terreno umido e fresco. A differenza di molte piante alte, queste hanno steli robusti che di solito non richiedono picchettamento.

Luce

I gigli orientali crescono meglio in pieno sole ( per 8 ore al giorno) ma tollerano anche l’ombra parziale. Le posizioni ombreggiate faranno sì che gli steli diventino un po’ più lunghi, il che potrebbe richiedere un picchettamento che invece non è quasi mai necessario quando vengono piantati in luoghi più soleggiati.

Suolo

I gigli orientali si adattano bene a qualsiasi terreno medio con umidità media. Preferiscono terreni leggermente acidi ma crescono bene in terreni neutri. L’alimentazione con un fertilizzante acido li aiuta a prosperare in terreni alcalini.

Acqua

I gigli orientali devono essere mantenuti in un terreno uniformemente umido, ma i bulbi possono marcire se lasciati immersi con acqua stagnante. Dovrebbero essere annaffiati ogni volta che il terreno diventa secco al tatto. Non innaffiate sopra la testa, operazione che può danneggiare i fiori. La pacciamatura aiuterà il terreno a rimanere umido.

Temperatura e umidità

I gigli crescono bene in tutte le condizioni climatiche, a patto che le condizioni del suolo siano adatte. La massima fioritura si ottiene in piena estate.

Fertilizzante

Come molte piante con fiori grandi e spettacolari, è bene applicare una generosa quantità di fertilizzante all’inizio della primavera dopo che i germogli sono emersi, per poi procedere con dosi più piccole ogni poche settimane durante la stagione di crescita. 

Varietà di giglio orientale

Giglio orientale di colore rosa

Le varietà di giglio orientale sono:

  • Giglio orientale rosa: Questo tipo ben noto va dal rosa scuro al rosso con bordi bianchi e macchie di colore rosa o marrone. Fiorisce da inizio a metà estate, è abbastanza compatto e tollera anche l’ombra.
  • Giglio orientale bianco: ha fiori molto grandi e vistosi con petali che si arricciano sulle punte. Crescono bene nei climi più caldi, hanno bisono di molto sole e fioriscono a metà-fine estate.
  • Giglio orientale dorato: questa nuova varietà è un incrocio tra gigli orientali e gigli di tromba. Ha fiori giallo intenso con macchie rosse, con petali che si arricciano sulle punte. Cresce bene all’ombra e fiorisce a metà estate. 

Confronto con altri gigli ibridi

Ci sono poi altri famosi gigli ibridi orientali, che includono:

  • Black Beauty: un ibrido che ha un colore che va dal lampone scuro al rosso scuro; 
  • Casa Blanca: ha fiori bianchi ed è piuttosto alto;
  • Mona Lisa: il più piccolo di tutti gli altri fiori, sia in altezza che in dimensione.

Il fiore è tossico?

Sebbene innocui per gli esseri umani, i cani e la maggior parte degli altri animali, i gigli orientali sono estremamente velenosi per i gatti. La misteriosa tossina che è così pericolosa per i gatti non è stata identificata, ma anche la piccola ingestione di parti di piante – o anche solo acqua potabile contenente fiori di giglio reciso – può essere anche mortale per i gatti.

Potatura

Potate ogni singolo fiore dopo che ha finito di fiorire, facendo il taglio sul piccolo gambo del fiore che separa la fioritura dal resto della pianta. 

Come con tutte le piante a bulbo, dovreste lasciare che le piante continuino a stare in piedi dopo la fioritura, finché il fogliame rimane verde. Una volta che il fogliame diventa completamente marrone, tagliate i gambi fino al livello del suolo.

Coltivazione in vaso

I fiori si possono ​​in casa in vaso in vasi larghi almeno, in terriccio arricchito con materiale organico e con un pH compreso tra 6,3 e 6,5.

I gigli coltivati ​​in casa sono generalmente più piccoli e richiedono condizioni relativamente calde. Per costringere i gigli a fiorire in un momento prestabilito, i bulbi dovranno prima essere raffreddati per un periodo di circa 12 settimane (questo può essere fatto anche in frigorifero), quindi piantati circa 90 giorni prima della fioritura. 

Ad esempio, se volete che i bulbi fioriscano a San Valentino, il raffreddamento dovrebbe iniziare intorno al 1 settembre, con i bulbi piantati nel mese di novembre. Potrebbero essere necessari alcuni esperimenti per ottenere il giusto tempismo per produrre fioriture esattamente comandate.

La propagazione

Come la maggior parte dei gigli, anche i bulbi del giglio orientale creano piccoli germogli, detti anche “bulbetti”, attaccati al bulbo genitore. Questi possono essere staccati dal bulbo genitore e ripiantati per creare poi più piante. I gigli possono anche essere propagati rompendo singoli segmenti di scala dal bulbo genitore e ripiantandoli.

In genere occorrono diversi anni perché i bulbi o le scaglie ripiantate diventino abbastanza grandi da consentire alle piante di fiorire, ma prendersi cura diligentemente di loro con acqua e fertilizzante adeguati accelererà un po ‘questo processo.

Le piante ibride come i gigli orientali sono spesso un po ‘più capricciose di altri gigli e si riproducono in modo un po’ meno vigoroso dei gigli di specie pure. Bisogna avere un po’ di pazienza.

Parassiti e malattie comuni

I gigli ibridi sono generalmente privi di parassiti, ma le potenziali malattie includono il virus del mosaico del giglio, il marciume del bulbo e la botrite (una malattia fungina). Le piante malate dovrebbero essere prontamente rimosse (compresi i bulbi) e distrutte.

Leave a Reply