Iniziare la coltivazione delle piante da frutto, in questo caso dei kiwi, partendo dai semi è un ottimo modo per dare sfogo alla propria passione per il giardinaggio attraverso una sfida personale che vi farà sicuramente migliorare le vostre capacità “verdi”.

L’Actinidia chinensis, detta kiwi, è una pianta originaria della Cina, appartenente alle specie cosiddette dioiche, ovvero piante che sono presenti sia nel genere maschio che femmina. Per riconoscere la femmina, quella che produce i frutti, è necessario osservare i fiori che sono distanziati tra loro in modo da lasciare spazio alla crescita dei frutti, quelli della pianta maschio invece sono raccolti in grappoli.

La pianta del kiwi necessita di una zona poco soleggiata, di molta umidità tra le foglie e di un’irrigazione a goccia poiché le radici sono superficiali e mal sopportano la disidratazione. Il terreno non deve essere calcareo, ma neutro o acido, e questa pianta predilige la pacciamatura del suolo che garantisce una maggiore permanenza dell’umidità.

Inoltre questa pianta da frutto necessita di un sostegno, per esempio un traliccio, per crescere al meglio ed è molto importante la potatura invernale che deve avvenire dopo la raccolta dei frutti e la caduta del fogliame.

La coltivazione avviata partendo dalle semenze richiede una buona dose di pazienza perché sarà necessario attendere 4 o 5 anni prima che la pianta produca i frutti. Scopriamo, quindi, come iniziare questa avventura passo dopo passo.

1.

kiwi

Innanzitutto abbiamo bisogno di un frutto, un kiwi che abbiamo consumato in casa, meglio se di agricoltura biologica poiché in questo caso i semi saranno certamente vitali.

2.

coltivare i kiwi partendo dalle sementi

Come ben sapete i semi del kiwi sono molto piccoli, quindi sarà un po’ laborioso separarli dal frutto, ma con un po’ di pazienza non avrete problemi. Utilizzate una tazza piana di acqua per inserirvi i semi e lavateli bene con acqua corrente ad alta pressione in modo da rimuovere ogni traccia di polpa.

Fate attenzione a non perdere i semi e per ovviare al problema utilizzate un panno. Fatto questo inserite i semi puliti in un contenitore con acqua calda e lasciateli a bagno per una settimana, sino a quando si apriranno. Il contenitore dovrà restare in un luogo caldo e sarà necessario cambiare l’acqua ogni giorno per impedire la riproduzione dei batteri.

3.

coltivare i kiwi partendo dalle sementi

A questo punto mettete i semi sopra un panno o un tovagliolo di carta inumidito e copriteli con un contenitore di plastica trasparente, meglio se munito di fori; se non lo fosse lasciate un’apertura alla base per permettere il circolo dell’aria. In un paio di giorni i semi scoppieranno e sarà il momento di passare alla fase successiva.

4.

coltivare i kiwi partendo dalle sementi

I germogli avranno l’aspetto che vedete nell’immagine e a questo punto dovrete preparare il terreno di coltivazione.

5.

coltivare i kiwi partendo dalle sementi

Riempite i vasi di terriccio e aggiungete i semi coprendoli poi con uno strato di terreno e bagnatelo vaporizzando l’acqua. Mettete il contenitore in un luogo caldo e soleggiato, lontano dalle correnti d’aria; è consigliabile coprire il vaso con un telo di plastica fino a quando vedremo le prime foglioline.

6.

coltivare i kiwi partendo dalle sementi

Quando la pianta sarà pronta per essere trapiantata a terra avrà l’aspetto che vedete nell’immagine e in primavera sarà possibile la sua piantumazione. Unico accorgimento: non dimenticate di piantare sia maschi che femmine nella proporzione di 1 a 5.