Skip to main content

Avete mai pensato di coltivare l’amaranto?

Si tratta di una pianta spontanea, in realtà poco conosciuta come ortaggio, che a volte si trova nelle bordure come infestante e non tutti sanno che si può coltivare, anche, come ortaggio. Per la botanica si chiama Amaranthus e fa parte della famiglia delle amarantacee.

Oltre a essere una pianta molto semplice da coltivare, che si adatta a tutti i tipi di terreni e ha pochi nemici, ha una doppia funzione alimentare: si possono mangiare sia le foglie sia i semi.

Il fiore Amaranthus è una varietà piuttosto complessa, con almeno 75 specie perenni annuali e di breve durata che si incrociano e si ibridano facilmente. Gli amaranti sono anche fiori commestibili che possono essere coltivati per i loro semi simili a grani. L’uso culinario era una volta il motivo principale per cui questo fiore veniva coltivato come alimento base nei giardini dei cottage domestici. L’uso dell’amaranto come pianta ornamentale è venuto dopo.

Ma come si coltiva e quali sono le sue peculiarità?

L’amaranto è caratterizzato da foglie larghe e con venature prominenti. Ogni pianta produce un singolo fiore all’estremità dell’alto stelo rossastro. I colori sono generalmente bordeaux, rosso, rosa o salmone.

Fiore di amaranto
Nomi comuniAmaranto
Nome botanicoAmaranthus spp.
FamigliaAmarantocee
Tipo di piantaAnnuale
Dimensionida 60 cm di altezza
Esposizione solareCompleto, parziale
Tipo di terrenoUmido ma ben drenato
pH del suoloNeutro, acido
Tempo di fiorituraEstate, autunno, inverno
Colore del fioreRosso, bordeaux, rosa, arancione, verde

Coltivare l’amaranto

L’amaranto cresce bene in qualsiasi terreno mediamente ben drenato, quindi assicuratevi che il sito che scegliete abbia un buon drenaggio e una buona circolazione dell’aria. Per garantire una produzione continua, è buona abitudine scaglionare la semina ogni due o tre settimane, iniziando una o due settimane dopo l’ultima gelata.

Sebbene le piante di amaranto siano alte, non sono necessariamente larghe o folte, quindi potete piantarle 20 centimetri di distanza circa. Più le pianti vicine, migliore sarà l’aspetto una volta completamente cresciute. 

Luce

L’ amaranto si trova meglio in pieno sole nella parte settentrionale del suo areale, ma nei climi caldi, può beneficiare di un po’ di ombra nel pomeriggio. In genere, meglio piantare l’amaranto in un luogo in cui riceverà almeno sei ore di luce solare ogni giorno.

Suolo

L’amaranto cresce bene in terreni medi e ricchi ma crescerà adeguatamente anche in terreni poveri. È probabile che solo le miscele dense di argilla siano completamente inadatte per l’amaranto, anche se terreni molto ricchi potrebbero ostacolare la fioritura e la produzione di semi.

Acqua

Le piante di amaranto hanno un fabbisogno medio di acqua, ma fate attenzione a non innaffiarle eccessivamente o correrete il rischio di marciume radicale o di malattie fungine.

Fertilizzante

L’amaranto non richiede alcuna alimentazione supplementare. Un eccesso di azoto (spesso presente nei fertilizzanti) può far diventare le piante meno adatte alla raccolta.

Tipi di amaranto

amaranto in fiore

Le varietà di amaranto possono essere molto grandi oppure possono presentarsi come piante più piccole. Se volete coltivare l’amaranto per raccoglierne i semi, il consiglio è quello di puntare su varietà più grandi. Ecco quali sono quelle più gettonate:

  • Amaranto a foglia rossa ( Amaranthus tricolor ): con foglie particolarmente grandi e scenografiche. Il sapore delle sue foglie, che sono commestibile, ricorda quello degli spinaci.
  •  ‘Borgogna’ ( A. hypochondriacus ): stupende foglie viola, fiori rossi e semi bianchi adornano questa varietà.
  • ‘Hopi Red Dye’ ( A. cruentus ): una vera chicca che produce ottimi semi neri ricchi di proteine.

Propagazione dell’amaranto

Grazie ai loro semi abbondanti, le piante di amaranto si auto-semineranno facilmente in giardino. Quando germogliano in primavera, assottigliate le piantine a circa 20 cm di distanza, oppure scavate con cura e trapiantatele altrove. È anche possibile raccogliere alcuni semi in autunno e ripiantarli la primavera successiva. Tenete presente, tuttavia, che se le piante originali fossero ibride, le piantine volontarie potrebbero non avere lo stesso aspetto della pianta madre.

Come coltivare l’amaranto a partire dai semi

Quando si semina l’amaranto all’aperto, i semi spaziano a circa dieci centimetri di distanza dopo che il terreno si è riscaldato in tarda primavera: basta coprirli a malapena con il terreno. La germinazione richiede generalmente dai 7 ai 14 giorni. 

Potete utilizzare un mix generale di partenza dei semi e seminare i semi circa 6-8 settimane prima della data media dell’ultima gelata. Coprite leggermente i semi e manteneteli costantemente umidi. Dopo che i semi germogliano, posizionate le piante sotto una luce intensa per continuare a crescere fino a quando non sono pronte per spostarsi all’esterno. Assicuratevi di preparare le piante alle condizioni esterne prima di trapiantarle in giardino. La temperatura media esterna deve raggiungere 15 gradi prima di poter piantare con successo le piantine all’aperto.

Svernamento

Questa pianta morirà in inverno, ma poiché si auto-semina abbastanza facilmente, potrete contare su nuove piante che spuntano in primavera. Perfetto, quindi, se con il giardinaggio siete alle prime armi.

Coltivare l’amaranto: parassiti comuni

L’amaranto può essere preda di molti degli stessi parassiti e malattie che colpiscono altre piante, soprattutto gli afidi. I saponi insetticidi sono un buon rimedio per i primi ma cercate di evitare l’uso di pesticidi commerciali altrimenti la pianta e i suoi semi non saranno più commestibili.

Problemi comuni con l’amaranto

Il marciume radicale può essere un problema nei terreni umidi e densi o nei periodi in cui le piogge sono frequenti e abbondanti. Una volta che si verifica la putrefazione delle radici, la pianta deve essere rimossa. La vostra migliore difesa contro il marciume radicale è mantenere un terreno ben drenato e non annaffiare in modo eccessivo.

Coltivare l’amaranto: domande frequenti

  • Quali parti della pianta di amaranto posso usare?L’amaranto commestibile viene spesso coltivato per gli abbondanti semi minuscoli che pendono in nappe dalla cima della pianta dopo che gli attraenti fiori rossi svaniscono. Il seme sfuso viene utilizzato come se fosse grano o utilizzato in cucina come addensante per zuppe e stufati. Potete anche usare le foglie di amaranto come ortaggio a foglia; il sapore è simile agli spinaci e può essere utilizzato allo stesso modo di molte altre verdure a foglia, soprattutto per preparare le insalate
  • Come raccolgo l’amaranto? Per raccogliere i grani di amaranto, lasciate che la pianta fiorisca. Tenete d’occhio i fiori mentre sbocciano e prima che diventino marroni, tagliate i fiori e metteteli nei sacchetti dove si asciugheranno. Agitate il sacchetto una volta che sono asciutti e fate cadere i semi su un panno. Risciacquate i semi essiccati e godetevi il raccolto. 
  • Come faccio a sapere di avere la giusta varietà di amaranto? Se l’obiettivo è il consumo, scegliete le varietà annuali di amaranto commercializzate come commestibili Quasi tutti gli amaranto sono commestibili e hanno una buona produzione di semi e foglie particolarmente gustose.

Leave a Reply