Con la fine dell’estate finiscono anche le fioriture sul balcone, ma possiamo dedicarci con più attenzione alle piante da appartamento. L’inizio dell’autunno è il momento giusto per dedicarsi alle piante dentro casa che, ricordiamo, secondo numerosi studi ci aiutano a liberarci dallo stress e contribuiscono a regalare alla casa un’atmosfera più rilassata.

E poi, in questa stagione, possiamo scegliere diversi esemplari di piante verdi come la yucca, la dracena e lo zamioculcas oppure di piante fiorite come le orchidee, l’anthurium e la medinilla. E non dimentichiamoci delle piante grasse o delle piante aromatiche.

Chi l’ha detto che, finita l’estate, sia tramontata anche la stagione degli angoli verdi dentro casa? Le piante si possono coltivare lo stesso, anzi, ce ne sono alcune particolarmente adatta alla stagione autunnale. Ecco quali sono e qualche consiglio prezioso per iniziare a coltivare queste specie nel modo più giusto.

1. Orchidea

L'orchidea, una pianta d'appartamento perfetta per l'autunno.

L’orchidea è una tra le piante da fiore e da appartamento più amate in assoluto. Ne esistono diverse specie; alcune sono più resistenti al clima europeo e più semplici da coltivare rispetto ad altre che hanno regalato all’orchidea la nome di fiore delicato e difficile da coltivare.

Se preferite una varietà facile da coltivare e resistente allora quello che fa per voi è l’orchidea Phalenopsis, oppure la più imponente Cymbidium o la più vivace Vanda. Al momento dell’acquisto controllate sempre che la pianta sia in buono stato e fatevi sempre consigliare sul concime migliore per il tipo di fiore che state acquistanto. Con i suoi colori belli e vivaci, le orchidee doneranno un tocco esotico, anche se fuori comincia a fare freddo.

2. Anthurium

Se vi piacciono i fiori dai colori intensi scegliete ad occhi chiuso l’anthurium, una pianta d’appartamento che arriva dal Sud America e appartiene alla famiglia delle Araceae. Nei vivai la potete trovare di colore rosa, lilla, bianco oppure arancio. Parliamo di una pianta che teme il freddo e le correnti d’aria: posizionatela quindi in un luogo caldo e luminoso, sempre al riparo dalla luce diretta del sole.

Questa pianta non ha il periodo di riposo vegetativo, deve essere annaffiata con regolarità, senza mai lasciarla asciutta a lungo ed evitando nello stesso tempo i ristagni d’acqua. Aggiungete all’acqua un po’ di concime, diciamo ogni 15 giorni circa per tutto l’anno, e avrete sempre fiori belli e nuovi.

3. Medinilla

Se vi piacciono le piante da fiore, scegliete la Medinilla, una bella pianta dalle origini tropicali, appartenente alla famiglia delle Melastomataceae. Questa pianta fiorisce in primavera, anche se in serra potete trovare medinille fiorite anche in altri periodi dell’anno.

Le dimensioni sono abbastanza grandi: parliamo di una pianta che in vaso può raggiungere anche 120 cm di altezza. Ha bisogno di molto caldo, almeno di 18 gradi e bisogna quindi tenerla in casa facendo sempre attenzione che la temperatura non si abbassi troppo.

Il segreto per coltivare bene questa pianta è l’umidità: oltre alle annaffiature regolari, bisogna inumidire le sue foglie con un panno o con uno spray, meglio se tutti i giorni. E fate attenzione ai ristagni d’acqua: la terra deve avere il suo drenaggio ideale. La medinilla va poi trapiantata in un vaso con parti uguali di sabbia, terriccio e torba.

4. Zamioculcas

Si tratta di una pianta perfetta per dare un tocco in più alla casa con le sue foglie verdi e brillanti. Pianta sempreverde che appartiene alla famiglia delle succulente e originaria della Tanzania, è resistente e si adatta bene in qualsiasi angolo della casa, anche se l’illuminazione non è ottimale.

Ha una crescita molto lenta, in natura può arrivare anche a 3 metri di altezza, ma in appartamento cresce al massimo fino a 70 cm.
Le annaffiature devono essere regolari, almeno ogni 10 giorni, e da marzo a ottobre questa pianta ha bisogno di un concime specifico per le piante succulente.

5. Dracena

Dracena, o tronchetto della felicità: una pianta d'appartamento resistente e perfetta per l'autunno.

La dracena è una tra le piante da appartamento più conosciute e apprezzate. Ha l’aspetto di un arbusto e fa parte della famiglia delle Liliaceae. In natura esistono diverse specie di dracena, che nei vivai si trovano anche con il nome di tronchetto della felicità.

La dracena ha la particolarità di sopravvivere anche in condizioni non ottimali, come un angolo buio o in una zona poco illuminata della casa. Se volete che le sue foglie siano sempre belle e brillanti dovrete garantirle sempre una buona illuminazione e delle annaffiature regolari.

Ricordate anche di vaporizzare le foglie se l’aria è troppo secca e di aggiungere alle annaffiature un po’ di concime per piante verdi con una frequenza di ogni 15 giorni circa. 

6. Ficus pumila

Ficus pumila, una pianta da interno perfetta per la stagione autunnale.

Il ficus pumila è una pianta perfetta per i supporti pensili della casa, con i suoi numerosi fusti ramificati e con le sue bellissime foglie a forma di cuore color verde brillante. Alcune specie possono avere anche le foglie di colore beige.


Il Ficus pumila è una pianta di origine tropicale e, come tutte le piante di questa famiglia, ama il clima caldo e umido. Bisogna fare attenzione quindi all’aria secca e in particolare alle correnti d’aria.

Il nemico numero uno del Ficus pumila, però, sono i ristagni d’acqua: è meglio trapiantarlo in un vaso grande (dal momento che ha una crescita veloce) che abbia qualche centimetro di ghiaia sullo fondo che consente di avere un perfetto drenaggio. Niente terreni troppo compatti, che rimangono pieni di acqua per troppo tempo.

7. Yucca

Yucca, un piccolo albero di origine tropicale ideale da coltivare in autunno.

La yucca è un piccolo albero dal fusto legnoso, dalla corteccia liscia e dal folto cespuglio che si trova in cima alle sue foglie lunghe e appuntite. Fa parte della famiglia delle succulente, è originaria di climi caldi e secchi ed è una pianta che si adatta bene a vivere in appartamento, a patto che sia posizionata in un luogo dove riceve abbastanza luce.


Da marzo a ottobre questa pianta è nel suo periodo vegetativo: deve essere quindi annaffiata abbondantemente, evitando ristagni d’acqua, e ha bisogno di concime per piante verdi ogni 15 giorni circa. Nel suo periodo di riposo, invece, ha bisogno di poca acqua.

8. Piante grasse

Le piante grasse sono da coltivare, sono piante molto resistenti e hanno bisogno davvero di pochissime cure. Potete scegliere i piccoli cactus spinosi oppure le succulente carnose e morbide. Potete sistemarle in mini serre, divertirmi a mixare le composizioni con l’arredamento, oppure potete scegliere esemplari più grandi se lo spazio lo permette. Insomma, le piante grasse sono sempre un’ottima idea, in qualsiasi stagione e soprattutto in autunno, quando la scelta è più limitata!

9. Piante aromatiche

Le piante aromatiche in estate sono la punta di diamante del balcone e del giardino, ma questo non vuol dire che dobbiamo rinunciare alla loro bellezza, e soprattutto al loro profumo durante la stagione fredda.

Possiamo coltivarle con successo anche dentro casa: basta scegliere piante più piccole, posizionarle davanti alla finestra, o in un punto particolarmente luminoso, e annaffiarle regolarmente.

Le piante aromatiche hanno bisogno di un buon drenaggio e per farle crescere rigogliose bisogna eliminare tutte quelle foglioline o i rametti che si formano. Ogni 15 giorni circa servirà anche del concime specifico per piante aromatiche. Basilico, salvia, timo e rosmarino si possono coltivare anche in autunno: provare per credere!

E voi? Quali piante avete scelto per questo autunno? Preferite le piante da fiore o quelle verdi? Se vi va, fatecelo sapere e condividete con noi le immagini delle vostre piante preferite!

Leave a Reply