fbpx

Tutti sanno che le piante d’appartamento possono essere utilizzate come elementi decorativi di sicuro effetto e che sono in grado di trasformare una stanza spoglia in un ambiente accogliente e suggestivo; se amate inserire la natura tra le mura domestiche e volete sperimentare una nuova composizione, originale ed accattivante, in questo post troverete alcune idee fai da te per realizzare un giardino acquatico con cui decorare qualsiasi zona della vostra abitazione.

Nel caso di un giardino acquatico, l’elemento chiave, ovvero l’acqua, è ciò che rende la composizione maggiormente suggestiva; si tratta di riprodurre l’habitat naturale di uno stagno che potrà essere più o meno originale e decorativo a seconda del contenitore utilizzato, nonché delle sue dimensioni e delle piante che ospiterà.

1.

giardino acquatico indoor

Le specie bulbose, tra cui i tulipani, i narcisi, gli amaryllis e i giacinti, possono essere coltivate anche in acqua dando luogo a meravigliose decorazioni indoor; con queste piante avrete delle splendide fioriture e potrete forzarle ottenendo i fiori prima del periodo naturale, solitamente la primavera.

Procuratevi dei contenitori in vetro, che per i giacinti dovranno essere molto alti in modo da dare sostegno alla pianta, e posizionateli in una zona molto luminosa ma lontana dai raggi solari diretti e da altre fonti di calore.

2.

giardino acquatico indoor

Questi piccoli arbusti acquatici sono un meraviglioso esempio di coltura idroponica; estremamente decorativa e perfetta per coloro che desiderano sperimentare un nuovo modo di fare giardinaggio.

In questo caso il contenitore riveste una grande importanza sia a fini estetici che pratici, infatti deve permettere al sistema radicale dalle piante di crescere in maniera naturale e alla parte superiore di essere sostenuta.

3.

giardino acquatico indoor

In questa immagine vediamo dei contenitori in vetro al cui interno è stata posta una bottiglia, anch’essa di vetro, per permettere una coltura idroponica estremamente semplice ed economica.

Con questo sistema si possiamo coltivare praticamente tutte le piante d’appartamento di piccole dimensioni; grazie alla presenza del substrato nella parte superiore della composizione, che è collegato all’acqua attraverso dei fili di cotone che permettono l’irrigazione a sistema capillare.

4.

giardino acquatico indoor

Quando si decide di realizzare un giardino d’acqua bisogna considerare il fatto che tra le piante acquatiche ne esistono alcune che possono vivere sott’acqua, altre parzialmente sommerse, altre ancora in stato galleggiante, ovvero con soltanto il sistema radicale sommerso, e infine le cosiddette piante ossigenanti, cioè quelle varietà capaci di mantenere limpida l’acqua depurandola e filtrandola.

Una volta compreso questo, è possibile creare un giardino acquatico vario e suggestivo, nonché semplice da mantenere nel tempo attraverso la sapiente unione di piante acquatiche con caratteristiche differenti ma,che nello stesso habitat sono in grado di interagire in maniera naturale.

5.

giardino acquatico indoor

Le piante acquatiche anche bisogno di molta luce per poter svolgere la funzione clorofilliana e quindi dobbiamo selezionare una zona molto luminosa dove collocare la composizione; vicino ad un’ampia finestra è il luogo ideale.

È importante mantenere pulito il contenitore, in modo da non ostacolare il passaggio della luce a causa dei depositi naturali che si formeranno nel tempo; è opportuno cambiare completamente l’acqua nel caso la si veda torbida.

6.

giardino acquatico indoor

Alcuni pesciolini o delle piante ossigenanti possono aiutarci a mantenere l’acqua limpida evitando la formazione di alghe, così come l’aggiunta di uno strato di carbone attivo sul fondo del contenitore, materiale che si utilizza anche nei terrari, che inoltre assorbirà gli odori.

7.

giardino acquatico indoor

giardino acquatico indoor

Come abbiamo visto ci sono molti tipi di giardini d’acqua, e come stiamo per vedere possono essere realizzati in moltissimi modo differenti; ad esempio trasformando oggetti di uso quotidiano in contenitori per le piante acquatiche.

Alcuni oggetti in grado di svolgere la funzione possono risultare particolarmente decorativi, in ultima analisi possiamo riciclare qualsiasi tipologia di contenitore a patto che sia in vetro.

8.

I giardini acquatici indoor non richiedono praticamente alcuna manutenzione, se non quella di monitorare il livello dell’acqua; sono molto resistenti alle malattie fungine e all’attacco dei parassiti necessitano di poco spazio e risultano sempre altamente decorativi.