Chiunque ami i fiori conosce bene il loro potenziale a livello ornamentale e li utilizza principalmente per decorare la casa e il giardino rendendo ogni spazio maggiormente suggestivo e rilassante; ma alcune varietà possono essere utilizzate anche per soddisfare il palato, oltre che la vista, ad esempio nella preparazione di coloratissime insalate.

L’uso dei fiori nelle preparazioni gastronomiche non è nulla di nuovo, ma nell’ultimo periodo sta diventando una vera e propria tendenza; osservando gli scaffali dei supermercati, infatti, si possono trovare con sempre maggior frequenza, insalate a base di fiori freschi che, oltre ad essere molto belle da vedere, sono anche decisamente gustose.

Come dicono i grandi chef: tutto ciò che è sul piatto deve poter essere mangiato, e anche nel caso dei fiori è proprio così, non si usano più solo come mera decorazione, ma come vero e proprio ingrediente; di seguito troverete 8 fiori commestibili con i quali preparare originali e suggestive pietanze e al contempo decorare i diversi spazi domestici.

Alcune regole di base

1.

Se decidiamo di coltivare una o più specie di fiori commestibili al fine di utilizzarli in cucina, oppure se desideriamo provare a mangiarli per la prima volta, è importante porre la giusta attenzione ad alcuni aspetti:

– Optare unicamente per varietà di fiori che sappiamo con certezza essere commestibili.

– Usare solo fiori non trattati con pesticidi.

– Non mangiare mai fiori che provengono da vivai o che crescono lungo le strade.

2.

Per quanto riguarda le modalità di utilizzo dei fiori commestibili in cucina, è importante sapere che:

– A parte rare eccezioni, prima di mangiare i fiori è necessario rimuovere pistilli e stami.

– Nella preparazione di piatti cotti aggiungeremo i fiori solo prima di inpiattare.

– Il gusto che avranno i fiori dipenderà sia dalle condizioni di crescita che dal tempo della raccolta; in linea generale i fiori dovrebbero essere raccolti alle prime ore del mattino e conservati in acqua sino al momento dell’utilizzo.

Vediamo ora 8 specie di fiori commestibili.

1. La Borragine

La borragine è un’erba spontanea annuale coltivata come pianta aromatica

La borragine è un’erba spontanea annuale coltivata come pianta aromatica; trattandosi di una pianta infestante è poco esigente in fatto di cure, di terreno e anche di clima, predilige terreni leggermente umidi e deve essere seminata in primavera.

Questo bellissimo fiore blu ha un sapore che ricorda quello del cetriolo; i petali si possono aggiungeremo alle insalate così come a diversi piatti cotti al momento del servizio.

La Borragine è una pianta dalle innumerevoli proprietà benefiche, si tratta di un potente antiossidante con azione antinfiammatoria; l’olio di borragine, ottenuto dai semi della pianta, è usato nella cura di patologie della pelle come psoriasi ed eczemi.

2. Il Dente di leone

I fiori del dente di leone, cosi come le foglie, sono commestibili e decisamente gustosi

I fiori del dente di leone, cosi come le foglie, sono commestibili e decisamente gustosi; è possibile utilizzare in cucina anche i fiori che crescono spontanei nei giardino, a patto che non siano stati usati pesticidi nell’area circostante.

3. Le Hemerocallis

Le Hemerocallis sono piante di facile coltivazione, in quanto si adattano molto bene alle diverse condizioni climatiche

Si tratta di piante erbacee e rustiche, molto apprezzate per gli splendidi fiori di grandi dimensioni che fioriscono copiosamente e quasi ininterrottamente; in cucina sono trattati allo stesso modo dei ben noti e buonissimi fiori di zucca.

Le Hemerocallis sono piante di facile coltivazione, in quanto si adattano molto bene alle diverse condizioni climatiche; questi fiori amano il sole, ma sono capaci di adattarsi anche alla semi ombra, a patto che ricevano almeno 6 ore di luce diretta al giorno.

4. La calendola

La calendola è una pianta perenne di piccole dimensioni che viene coltivata come annuale

La calendola è una pianta perenne di piccole dimensioni che viene coltivata come annuale; questo fiore necessita di una zona soleggiata, può crescere sia in vaso che a terra, ma non in un ambiente chiuso.

I petali della calendola sono perfetti sia su piatti cucinati che freschi; i fiori essiccati sono utilizzati come sostituto dello zafferano e per la preparazione di infusi o decotti.

La calendola ha diverse proprietà medicinali: è un antinfiammatorio, disinfettante e cicatrizzante e viene utilizzata in cosmesi come idratante ed astringente.

5. Tagetes tenuifolia

La Tagetes tenuifolia è una pianta erbacea proveniente dal Sud America che distingue per il suo sapore di agrumi

La Tagetes tenuifolia è una pianta erbacea proveniente dal Sud America che distingue per il suo sapore di agrumi; in cucina si utilizzano soltanto i petali poiché le altre parti del fiore sono piuttosto amare.

Si tratta di un’altra pianta commestibile molto semplice da coltivare; l’unica accortezza è quella di esporla al sole e in zona riparate dalle correnti e dalle gelate.

6. I fiori delle erbe aromatiche

olte erbe aromatiche hanno un fiore gustoso tanto quanto le foglie

Molte erbe aromatiche hanno un fiore gustoso tanto quanto le foglie; in cucina si possono usare, ad esempio, i fiori dell’aglio, dell’aneto, del coriandolo e del basilico, che renderanno le pietanze più gustose e decisamente più attraenti.

7. Il nasturzio

il nasturzio produce fiori coloratissimi dal sapore piccante perfetti per decorare le insalate

Facile da coltivare, il nasturzio produce fiori coloratissimi dal sapore piccante perfetti per decorare le insalate; questo fiore è commestibile in tutte le sue parti e fiori e foglie sono ricche di vitamina C.

Per l’uso in cucina si dovrà optare unicamente per le varietà ortive, quelle di colore giallo intenso e arancione.

8. La viola del pensiero

La viola del pensiero è ottima nella preparazione di dolci e insalate, e ovviamente come decorazione in moltissimi piatti

Anche nel caso della viola del pensiero, l‘intero fiore è commestibile; questo fiore ha un sapore delicato e leggermente mentale.

La viola del pensiero è ottima nella preparazione di dolci e insalate, e ovviamente come decorazione in moltissimi piatti.