fbpx

Quando si tratta di giardinaggio, di piante e di fiori ci sono delle leggi da rispettare ma anche alcune che, vi farà piacere saperlo, si possono infrangere senza far morire le nostre piante predilette. Uno dei dogmi che proviamo a sfatare oggi riguarda il rapporto che le piante hanno con la luce naturale del sole e del bisogno delle piante di essere collocate sempre, o quasi, in una posizione dove la luminosità è molto buona!

Se dentro casa c’è poca luce, questo non vuol dire che non si possano avere piante! Ebbene sì, sembra una di quelle frasi pronte a rivoluzionare il concetto base del giardinaggio, ossia che le piante prima di tutto hanno bisogno della luce, e infatti è proprio così!

Le piante hanno bisogno di luce, questa rimane una verità indiscussa, ma nel vasto e variegato mondo botanico esistono alcune piante che riescono a sopravvivere lo stesso in condizioni di scarsa luminosità. Badate bene, abbiamo detto scarsa e questo significa che se chiudete la pianta nello sgabuzzino completamente al buio, questo discorso non vale!

Il motivo è semplice: è tutta una questione di composizione, di caratteristiche e di quantità di clorofilla contenuta nelle foglie. Facciamo un passo indietro per vederci più chiaro e per capire meglio in che senso ci sono piante che hanno bisogno di poca luce e come possiamo sfruttare al meglio questa caratteristica nel caso in cui abbiamo una casa dove la luminosità scarseggia per vari motivi.

Le piante e la luce

La luce del sole e le piante vanno a braccetto nella maggior parte dei casi. Se una pianta non riceve abbastanza luce succede che le sue foglie diventano gialle nel giro di pochi giorni. Perché succede questo? Perché la clorofilla, la famosa sostanza che è anche il motivo per cui le foglie delle piante sono verdi, non riesce a liberarsi correttamente.

Più una pianta ha foglie di colore verde scuro e più è elevata la quantità di clorofilla contenuta. Di conseguenza, questo significa che la quantità di luce che riescono a intercettare è molto alta. Ma se ci fate caso, non tutte le piante hanno foglie verde scuro. Molte altre hanno foglie di un verde più chiaro e con molta probabilità saranno queste ad avere bisogno di meno luce per liberare la clorofilla.

Alcune piante stanno bene anche all’ombra, proprio così! Quindi, se dentro casa c’è poca luce perché magari avete poche finestre o perché la vostra abitazione è esposta in modo tale da non avere tanta luce naturale che filtra durante il giorno, allora sappiate che c’è una soluzione anche per voi. Vi proponiamo sei piante che riescono a vivere e a crescere bene anche se dentro casa c’è poca luce!

Felce di Boston

Ecco la prima.  La felce di Boston è una di quelle piante che vanno benissimo quando in casa c’è poca luce, le finestre non sono molte e se vi state chiedendo da un po’ di tempo dove potreste sistemare una pianta senza farla morire in poco tempo.

Le sue fronde non crescono in maniera eccessiva, quindi non c’è in questo caso il classico effetto a cascata, ma questa specie si difende molto bene comunque: è semplice ma molto graziosa, perfetta anche se lo spazio non è troppo grande. 

Muschio

Muschio è un termine abbastanza generico, dal momento che in natura ne esistono circa 12.000 specie, la maggior parte delle quali crescono all’ombra. In generale, tutte richiedono poca luce, pochissime cure se non quella di essere tenute in un ambiente umido.

Potete sbizzarrirvi e scegliere la specie che più vi piace e quella che, in base alla grandezza, si adatta meglio allo spazio che andrà a ospitarla. Dite la verità, al muschio proprio non avevate pensato, è vero? E invece, la soluzione si trova sempre perché se il mondo è bello perché è vario, lo stesso vale anche per la natura!

Sanseveria 

Della Sanseveria vi abbiamo già parlato; è una pianta forte, semplice da coltivare e dai mille benefici, tra i quali quello di mantenere l’aria di casa sempre pulita. Quello che però non vi abbiamo detto fino ad ora è che questa pianta è perfetta se dentro casa c’è poca luce. Anche in condizioni di poca luminosità cresce lo stesso, bella, sana e forte.

La palma della fortuna

Il nome è felice e simpatico, la pianta anche, soprattutto dal momento in cui si scopre che anche lei ha bisogno di poca luce per crescere bene. Questa specie tollera bene anche la bassa umidità e le temperature prossime allo zero. E anche se la lasciate incustodita per qualche tempo, insomma non succede nulla. Se siete alle prime armi con il giardinaggio, questa può essere un’ottima pianta da cui partire.

Le dimensioni non sono proibitive, quindi non è necessario avere a disposizione molti metri quadri per ospitare una pianta del genere, molto bella da vedere e anche elegante!

Pianta di piombo

Se state cercando una bella pianta da far crescere all’ombra, o quasi, l’avete appena trovata. Anche questa pianta è perfetta se dentro casa c’è poca luce, a patto che ve ne prendiate cura come si deve, considerando che anche questa pianta ha una tempra forte, come anticipa il suo nome, e può resistere anche a temperature molto basse.

E per gli amanti della letteratura, una piccola chicca. Questa pianta era popolare a Londra durante l’era vittoriana, quando la città era piena smog e la nebbia impediva di filtrare le sostanze inquinanti dall’aria. 

Filodendro

Sempre per la rassegna “pianta che possono stare in casa anche se c’è poca luce”, ecco il Filodendro, altra pianta molto graziosa che oltre ad essere particolarmente resistente, filtra le impurità dell’aria dentro casa rendendola più pulita. Insomma, meglio di così!

Prendersi cura di una pianta

Con questi sei esemplari, se avete una casa con poca luce, avete risolto il problema! Del resto, è inutile acquistare una pianta che per caratteristiche avrebbe bisogno di poca luce: sprecheresti soltanto soldi e tempo prezioso. Meglio ripiegare su qualcos’altro per essere sicuri che le piante si adattino molo bene all’ambiente in cui dovranno vivere.

E quelle che vi abbiamo proposto oggi, sono anche grazioso e belle da vedere, perfette per decorare la casa e per abbellirla con un tocco naturale. Fino ad ora abbiamo parlato di luce, ma per quanto questo elemento sia importante, le piante non vivono di sola luminosità.

Della luce in questo caso non dovrete preoccuparvi troppo, ma ci sono altri aspetti che vanno considerati per crescere bene una pianta. L’irrigazione, per esempio. Abbiamo visto come molte delle piante che non hanno bisogno di molta luce non necessitano nemmeno di molte cure, ma è bene ricordare che l’acqua è importante, e questa volta per tutte le piante, tranne nel caso delle piante grasse che sono un capitolo a parte.

Molto importante è anche il rinvaso, il controllo della crescita delle piante e la manutenzione ordinaria che riguarda il benessere della pianta, dalla pulizia delle foglie alla concimazione da eseguire nei tempi giusto.

Detto questo, quello che rimane del giardinaggio è divertimento, hobby e tanta creatività! Prendetevi cura delle vostre piante, trattatele bene e seguite tutti i consigli che ogni settimana vi proponiamo e vedrete che sapranno darvi tante, tante soddisfazioni! E che il pollice verde sia con voi!