La primavera, in genere, è il momento in cui si ricomincia, con la natura che si risveglia e i buoni propositi sono tanti. Ma quando si tratta di coltivare l’orto, be’, in questo caso non esistono stagioni. Il momento per iniziare è adesso! Anche nel bel mezzo di agosto. Anche in vacanza! Non ci credete? Eccovi allora 6 motivi per iniziare a coltivare l’orto!

A tutti capita di sentirci un po’ giù di corda, di sentirci stanchi e anche un po’ stressati. E se anche voi in questo agosto caldo e dal ritmo lento vi sentite così, cercate di sfruttare questo stato d’animo sfoderando un’arma vincente: il giardinaggio.

Prendersi cura di un giardino, o coltivare l’orto, ha tutta una serie di benefici per la salute mentale, sperimentati e riconosciuti, tanto oggi esiste anche una forma di terapia chiamata terapia orticola che viene utilizzata come trattamento non convenzionale per disturbi dell’umore. 

E anche le piante fanno la loro parte. Pensiamo per esempio ai benefici che hanno alcune piante che, dentro casa, ci aiutano ad assorbire le impurità dell’aria. In cambio ci regalano tanto ossigeno e noi, anche solo per questo, dovremmo essere decisamente grati alle piante!

Ecco allora cosa ci dice la scienza su come la cura delle piante può aiutarci a migliorare l’umore e il benessere interiore.

Anche se molti giardinieri non saranno d’accordo perché descrivono il loro lavoro come qualcosa di faticoso e impegnativo, oggi sappiamo che l’orticoltura è una frontiera relativamente nuova. Diverse ricerche si sono occupate di soggetti affetti da depressione che hanno deciso di partecipare a un programma di terapia dell’orticoltura. Dopo qualche settimana, la gravità della depressione secondo gli studi è diminuita in modo significativo. 

Ecco allora cosa ci dice la scienza su come la cura delle piante può aiutarci a migliorare l’umore e il benessere interiore.

1. Esci e stai all’aria aperta

Una buona ragione per cominciare a fare giardinaggio e a coltivare un orto è che si tratta di un’attività che ci fa stare all’aperto. La ricerca ci conferma che più tempo trascorriamo all’esterno, meglio ci sentiamo dal punto di vista fisico e mentale. Un po ‘di sole e un bel cielo blu sono molto importanti per illuminare il nostro umore.

Quindi se il lavoro in ufficio vi stressa, se correte sempre da una parte all’altra tra gli impegni di famiglia e quelli professionali, prendete un po’ di tempo e ritagliatevi qualche ora alla settimana per dedicarvi al giardinaggio. In poco tempo, vedrete quanti benefici!

2. Sporcati le mani

Oltre a portarci a stare all’aria aperta, lavorare la terra ci costringe a sporcarci davvero le mani e vi sorprenderete di scoprire come un’attività del genere sia legata a una migliore salute mentale. Ebbene sì, alcuni batteri presenti nel suolo possono effettivamente influenzare in modo positivo il cervello come un vero e proprio toccasana! 

Quindi, niente paura se la terra sporca i vestiti, fatevi avanti e lanciatevi in questo nuovo progetto. E, se potete, coinvolgete anche i più piccoli: per i bambini è molto importante imparare sin dalla tenera età il contatto con la terra e con gli elementi della natura!

3. Libera la mente

Hai bisogno di un po ‘di pausa e di staccare la spina? Curare un bel giardino o prendervi cura di un orto potrebbe essere la risposta migliore. Il giardinaggio è un’attività che sembra aiutare molte persone a entrare in una sorta di flusso positivo, che ci porta a non pensare al ​​passare del tempo, a non fare piani e a non pensare alla scocciature quotidiane. Insomma, stare all’aria aperta rilassa e fa bene.

Insomma, fare giardinaggio è una vera e propria terapia. Contro la tristezza, contro i giorni più tristi e, soprattutto, contro lo stress. Basta solo cominciare e darsi da fare!

4. Impara l’arte

Intraprendere un nuovo hobby migliora la salute mentale per tutta una serie di motivi, non ultimo quello della padronanza di nuove abilità. Se siete giardinieri alle prime armi, avrete molto da imparare e questa è una buona cosa. Imparare nuove cose, come quale tipo di fertilizzante è meglio usare, le tipologie del suolo, il livello di luce solare, aiuta ad aumentare le proprie consapevolezze e anche ad avere più fiducia in noi stessi.

5. Unisci l’utile al dilettevole

Coltivare l’orto non solo ha effetti benefici sullo spirito, migliora il benessere mentale e l’umore, ma è anche un’attività utile e ricca di sorprese. Perché continuare ad acquistare la verdura al supermercato quando possiamo coltivarla da soli, a km 0 e in modo del tutto biologico? Il momento del raccolto, poi, è la soddisfazione più grande, soprattutto quando portiamo in tavola i prodotti coltivati da noi.

6. Sempre connessi con la natura

Anche se può sembrare un’attività solitaria, la cura di un giardino o di un orto riduce l’isolamento e favorisce l’interazione con gli altri. Il lato migliore di avere un giardino, del resto, è il contatto con gli altri e con i vicini, anche solo per scambiare due chiacchiere o scambiarsi consigli.

Coltivare fiori e piante: aiutare l’ambiente

Barattoli di vetro trasformati in vasi fai da te per le piante aromatiche

Iniziare a coltivare un piccolo pezzo di terra, o anche prendersi cura di una pianta di appartamento, è un ottimo modo non solo per avvicinarsi all’ambiente ma anche per aiutare l’ambiente in modo significativo.

Anche una piccola porzione di verde nel giardino di casa aiuta l’ambiente, lo ossigena e vi permette di coltivare verdura fresca e di mettere al bando i prodotti della grande produzione che, purtroppo, vengono trattati con i pesticidi. Se tutti facessero la loro parte, insomma, questo sarebbe un mondo migliore.

Da dove iniziare

Cesto di basilico, la pianta aromatica dell'estate

Coltivare fa bene alla salute e questo, arrivati fino a qui, è molto chiaro. Ma allora, da dove cominciare? Se siete davvero alle prime armi, quello che conta è cominciare poco alla volta e procedere per gradi. Ci sono alcuni ortaggi che nell’orto sono più semplici da coltivare di altri, così come nel giardino ci sono fiori più resistenti e semplici da coltivare.

Ecco, partite dai progetti più semplici e poi, con il tempo e quando avrete acquisito più sicurezza e competenze, potrete dedicarvi anche alle coltivazioni più complesse. Quello che conta è cominciare!

E allora, la prima cosa da fare è fare scorta di attrezzi e di tutto quello che serve per coltivare, zappare e tagliare. Fate scorta anche di terriccio e fertilizzante, senza dimenticare un buon annaffiatoio.

E infine, non dimenticate di seguire tutti i nostri aggiornamenti. Noi di Guida Giardino amiamo la natura, i fiori e le piante e pensiamo che coltivare l’orto sia il modo migliore per connettersi con Natura. Parliamo a tutti, soprattutto a chi non ha mai preso in mano una vanga e anche a chi è considerato un inesorabile pollice nero. Perché basta impegnarsi e i risultati arrivano!

Quindi non dimenticatevi di seguirci; ogni settimana pubblichiamo sul nostro sito guide a tema, articoli di approfondimento e tante curiosità sul mondo del giardinaggio e degli orti. Stay tuned!