Alcuni di noi sbucciano tutto, frutti e verdure, perché non amano il gusto o la consistenza delle bucce, o per evitare la presenza di pesticidi dannosi alla salute, altri invece non lo fanno perché sanno della presenza di molte fibre e vitamine, contenute proprio nelle bucce, e quindi le mangiano (sempre ben lavate!). Indipendentemente dai vostri gusti e ideali, sappiate che le scorze degli agrumi, le bucce di patate e altri tuberi, quella dell’avocado e addirittura le croste di alcuni formaggi possono avere una doppia vita.

Ecco quindi quattro belle idee per riutilizzare le bucce e gli scarti di cibo per le faccende di casa.

1 . Col limone non si butta via niente

buccia di limone

Un rimedio naturale e veramente molto efficace per pulire pentole, fornelli e unto di cucina in generale è quello di utilizzare il limone. Invece di buttare subito la buccia, magari ancor prima di aver consumato tutto il succo (come spesso capita perché abbandoniamo il limone per giorni nel frigorifero), possiamo utilizzarla al posto degli sgrassanti chimici per pulire e profumare stoviglie o piani cucina.

Cospargete la zona da pulire con sale fino o in alternativa bicarbonato di sodio (che agiscono come abrasivi) e poi strofinate con la buccia del limone. Unico accorgimento: non utilizzate il limone su superfici delicate, come ad esempio il marmo, perché lo macchierebbe.

2. Caffettiera sempre pulita…

Fate risplendere la vostra caffettiera! La scorza del limone, unita al ghiaccio e al sale, è perfetta anche per dare una nuova brillantezza alla vostra caffettiera in vetro o alla macchina del caffè. Strofinate la caffettiera per qualche minuto, risciacquiate bene e il gioco è fatto!

3 . …e anche il bollitore

Il bollitore del thè è spesso macchinato a causa dei depositi di teina, se lo volete vedere davvero splendente riempite il contenitore con acqua e qualche scorza di limone, portate ad ebollizione, poi spegnete il fuoco e lasciate agire per un’ora, infine risciacquate e il bollitore sembrerà nuovo.

4 . Tingere tessuti con il melograno

melograno per tingere i tessuti

Tingere un tessuto: le bucce di melograno sono perfette per colorare tessuti macchiati. Inserite in una pentola il capo da tingere, riempite con acqua calda (il tessuto deve essere completamente immerso dell’acqua), aggiungete le bucce e lasciate in ammollo tutta la notte. Il giorno dopo fate bollire dell’acqua con le bucce e quando bolle togliete le bucce ed aggiungete il tessuto.

Lasciatelo bollire per circa un’ora a fuoco lento e lasciate raffreddare fino al giorno seguente. Il giorno dopo rimuovete il tessuto dalla pentola e sciacquatelo bene in acqua fredda. Ora che il tessuto è tinto ricordatevi solo di lavarlo con colori simili.

Scopri come riutilizzare le bucce IN CUCINA >>

Scopri come riutilizzare le bucce PER LA BELLEZZA >>