Fare giardinaggio è bello e rilassante, ma l’altro lato della medaglia esiste anche qui. Per curare al meglio le piante bisogna conoscerle, avere qualche nozione di base sulle loro caratteristiche, ma bisogna anche conoscere molto bene l’ambiente in cui le piante andranno a stare. Comprare piante e decorare la casa con vasi e fiori è sì un’attività gratificante e divertente, ma ricordatevi che un occhio di riguardo non fa mai male.

Molti di noi hanno un solo pensiero quando fanno shopping di piante: come starà questa pianta in salotto? E questa, sarà perfetta per la camera da letto? Il ragionamento non fa una piega, per carità, perché comprare piante significa soprattutto abbellire gli spazi e arredare la casa.

Alcune piante, e moltissimi fiori, sono davvero belli da vedere, però quando si acquistano le piante bisogna anche prestare attenzione alle loro caratteristiche, per fare in modo che nessuno tra i membri dell’ambiente domestico sia messo in pericolo.

Sapevate che alcune piante non vanno bene in presenza di bambini? O che alcune specie sono tossiche per gli animali, per natura curiosi e un po’ ficcanaso? Ebbene sì, ci sono piante che sono un vero e proprio veleno per amici pelosi e bebè e sappiamo bene che bambini piccoli, gatti e cani hanno in comune una cosa: la curiosità. Basta una piccola distrazione e potreste trovarvi con il gatto, il cane o il bambino piccolo che per gioco ingeriscono una foglia. Ecco, meglio evitare.

Vade retro, se ci sono bambini o animali

Purtroppo in natura ci sono molte piante che possono essere velenose, o comunque tossiche, per gli animali domestici e per i bambini piccoli

Purtroppo in natura ci sono molte piante che possono essere velenose, o comunque tossiche, per gli animali domestici e per i bambini piccoli. Nel caso degli animali, molte volte la natura ci pensa da sola; gli animali sono intelligenti e sono dotati sensori, il famoso sesto senso, che li tengono lontani dalle situazioni di pericolo potenziale. Può darsi, quindi, che l’animale non si avvicini nemmeno a una pianta che, in effetti, per lui sarebbe velenosa, ma non sempre succede questo e soprattutto non possiamo averne la certezza assoluta.

Nei bambini, invece, la situazione è ancora più delicata. I piccoli, infatti, per gioco, curiosità e voglia di scoprire tutto quello che li circonda toccano, assaggiano, ingeriscono. E su questo, non si possono correre rischi. Alcune piante possono creare fastidi di lieve entità, come bruciori, secchezza della bocca e salivazione, mentre altre possono portare a sintomi più importanti e rendere necessario l’intervento del medico.

In ogni caso, anche se avete il minimo dubbio che il piccolo o il vostro peloso abbiano ingerito qualcosa, non esitate a chiamare il pediatra o il veterinario. Per il resto, potete fare voi. Come? Con un po’ di attenzione. Per esempio, prima dello shopping, date un’occhiata a questa lista. Qui ci sono tutte le piante che dovreste evitare di avere in casa se avete un bambino piccolo o vivete con un piccolo peloso.

Giglio della pace

I gigli della pace sono belli, è vero, purificano l’aria di casa, altra cosa molto utile, ma purtroppo sono velenosi per gli animali domestici e per gli umani.

Aloe Vera

Bella e molto utile con il suo gel che diventa un ottimo rimedio naturale casalingo, questa pianta non va bene se in casa ci sono animali. Cani e gatti, se la ingeriscono, potrebbero avere vari problemi di stomaco. Meglio evitare.

Sanseveria

Tutti la amano per il l’aspetto variegato e striato, è semplice e perfetta per arredare qualsiasi tipo di ambiente, ma se ai pelosi viene in mente di mangiarsi qualche foglia di questa pianta potrebbero soffrire di una fastidiosa nausea. Meglio cambiare genere!

Begonia

Non lasciatevi ingannare dal suo bel colore e dalla voglia di acquistare una di queste piante tanto scenografiche. Se ingerita, la begonia nel peggiore dei casi può scatenare agli animali problemi ai remi.

Uccelli del paradiso

Bellissime piante, luminose e tropicali, ma causa di vertigini se ingerite da cani e gatti.

Dieffenbachia

Tenete animali domestici e i bambini lontani da questa pianta bicolore che può causare gonfiore, vesciche in bocca, dolore e danni agli occhi.

Evergreen cinese

Vade retro anche a questa, di pianta! Gli animali non devono avvicinarsi a questa specie, assolutamente no. Se la ingeriscono accuseranno gonfiore alla bocca e alla lingua e difficoltà a deglutire.

Albero di giada

Questa piccola piante liscia ha un grande fascino estetico, ma può rappresentare un grande pericolo per i vostri animali domestici. Se ingerita provoca vomito e letargia.

Dracaena 

La maggior parte dei sintomi che accusano gli animali domestici che ingeriscono queste piante sono correlati a vari disturbi allo stomaco.

Filodendro

Anche questa pianta potrebbe non essere la scelta migliore se avete cani, gatti o bambini per natura curiosi. Può irritare la bocca e le mucose se al vostro gatto o al vostro cane viene in mente di sgranocchiare le sue foglie.

Caladium

Questa pianta può essere abbastanza pericolosa per animali domestici e per i bambini; se ingerita provoca gonfiore alla bocca e alla lingua, oltre a nausea, vomito e diarrea.

Eucalipto

Se amate l’odore calmante di eucalipto ma in casa vive un cucciolo, che sia peloso oppure umano, lasciate perdere questa pianta e accontentatevi delle fragranze da umidificatore al profumo di eucalipto. Questa pianta può causare debolezza e forte salivazione.

Pothos

Dimenticate anche di questa pianta se avete animali domestici o bambini a cui piace toccare o masticare quando tutto quello che capita a tiro. Gli effetti spiacevoli sono bruciore alla bocca e gonfiore alle labbra e alla gola. Decisamente da evitare!

Albero della gomma

Altra pianta che vediamo spuntare in tutte le case di appassionati di giardinaggio. Anche in questo caso, questa specie può causare irritazione della pelle negli esseri umani e problemi di pelle e gastrointestinali negli animali domestici.

Stella di Natale

Alla lista si aggiunge la stella di Natale, una pianta molto bella, colorata e tanto cara alla tradizione natalizia. Ecco, questa pianta deve essere tenuta lontano in particolar modo dal gatto. Se il gatto la ingerisce può accusare vomito e diarrea e anche il semplice contatto con gli occhi porta irritazione agli occhi e alla pelle.

Soluzioni a prova di bambino

basilico

Avete preso nota? Queste sono le principali piante considerate dannose per i piccoli e per gli animali, quelle che è consigliabile non tenere in casa se avete cani, gatti o bambini. Bisogna specificare, però, che molte altre piante, anche quelle apparentemente più innocue, possono avere effetti dannosi su animali e sull’uomo. Il consiglio è quello di chiedere sempre quando acquistate e di specificare che in casa avete bambini o animali.

Il mondo del giardinaggio non è tutto ansia e angoscia, per fortuna. Anzi, se il gatto e il cane vanno tenuti lontani dalle piante non solo per evitare che le ingeriscano, ma anche perché non rovinino i nostri bei vasi, per i bambini il discorso è diverso. Crescere un bambino nel rispetto delle piante e dei fiori è una cosa bella e se in commercio esistono tante piante che con i bambini piccoli non vanno troppo d’accordo, ce ne sono altre che invece sono adatte ai più piccoli.

In commercio esiste un’ampia varietà di fiori e piante con cui potete giocare con i piccoli insegnando loro il giardinaggio e quali sono i benefici di stare a contatto con la natura. La scelta è vasta, dalle piante che crescono molto velocemente, a quelle che hanno forme strane, profumi particolari e colori sgargianti!