“Le piante in camera da letto? Giammai!” Questa per molto tempo è stata una credenza diffusa: le piante in camera da letto non ci possono stare perché di notte liberano anidride carbonica e l’anidride carbonica fa male all’uomo. Con il tempo, però, le cose sono cambiate, abbiamo imparato a conoscere meglio le piante e abbiamo scoperto che alcune di loro non solo non fanno male in camera da letto, ma ci aiutano anche a dormire meglio.

Dormire bene è molto importante per il nostro benessere psico-fisico. Quando dormiamo bene ci svegliamo al mattino più riposati e siamo pronti per affrontare una nuova giornata con più energie. E se alcune piante possono aiutarci a conciliare il nostro sonno e il nostro riposo, perché non utilizzarle?

Quindi dimentichiamoci delle antiche credenze: non è vero che le piante in camera da letto fanno male! O meglio, non tutte le piante fanno male nelle zone dedicate al riposo. Ce ne sono alcune, per esempio, che non solo non sono nocive, ma che aiutano il nostro benessere e conciliano il nostro riposo.

A riguardo ci sono stati diversi studi, e anche la NASA si è pronunciata a riguardo, e tutti concordano sul fatto che circondarsi di verde in camera da letto può portarci diversi benefici. Innanzitutto, le piante in camera da letto conciliano il sonno, riducono tutta una serie di disturbi e alleviano lo stress accumulato durante la giornata.

Insomma, non è solo una questione di arredamento, ma anche un vero e proprio beneficio per la nostra salute. E così, esperti di arredamento, flower designer ed esperti del settore ci consigliano tutti i giorni quali piante scegliere per adibire nella nostra camera da letto una piccola oasi di relax che veglierà sul nostro sonno apportando diversi benefici.

Ne abbiamo scelte dieci, dieci piante perfette che in camera da letto sono pronte a regalarvi benessere, pace e…sogni d’oro. Sono tutte piante che riescono a purificare l’aria, grazie alle loro caratteristiche, alla loro composizione e alle sostanze che le loro foglie riescono a liberare. Insomma, un vero e proprio toccasana per la nostra camera da letto, ma anche per tutti gli altri ambienti della casa.

Ecco allora quali sono queste piante, quali caratteristiche hanno e perché è come prendersene cura! A voi la scelta!

1. Aloe vera

Molti la conoscono anche con il soprannome di “pianta dell’immortalità” ed è una pianta ideale per decorare gli interni. Ha una manutenzione molto basic e ha grandi effetti lenitivi, oltre al fatto che è anche in grado di migliorare la qualità dell’aria perché produce ossigeno durante la notte. Il che si traduce in una migliore qualità del sonno. Insomma, il contrario di quello che le credenze ci hanno fatto pensare fino a oggi.

2. Lavanda

Colorata e dal grande potere calmante e rilassante, la lavanda ha un profumo intenso, deciso e piacevole. Con una bella pianta di lavanda in camera da letto, dormirete davvero sonni tranquilli, avvolti in un profumo inebriante e detox per la mente e per lo spirito.

3. Gelsomino

La pianta dal profumo inebriante per eccellenza, il gelsomino ha un effetto  e calmante sul corpo e sulla mente. Secondo gli studi il gelsomino è capace di ridurre i livelli d’ansia e di migliorare non solo la qualità del sonno ma anche la produttività durante il giorno successivo.

4. Edera comune

Anche l’edera ha la grande caratteristica di purificare l’aria, è facile da coltivare e poi le sue foglie sono famose in tutto il mondo perché in grado di assorbire la formaldeide, operazione molto utile nel caso in cui dentro casa ci sia qualcuno che soffre d’ansia. E poi, altra cosa positiva: l’edera assorbe la muffa presente nell’aria. Avete bisogno di altri motivi per sistemarne una in camera da letto?

5. Spatafillo

Pixabay mfiol
Questa pianta è incredibilmente elegante ed è perfetta per liberare l’aria da tutti quegli agenti chimici che si accumulano, dalla formaldeide, dalle muffe e da altri tipi di allergeni. Questo significa avere la gola meno secca quando vi svegliate al mattino e avere un’aria più purificata in stanza per respirare meglio.

6. Gerbera

Pixabay Nile

Anche un bel mazzo di gerbere colorate in camera è una soluzione perfetta per pulire l’aria e per dormire meglio. E poi, diciamolo, le gerbere sono proprio belle da vedere e la loro bellezza è un motivo in più per riempirne la camera da letto!

7. Dracaena

Si tratta di una bellissima pianta di origine africane, ma comunque è molto semplice da trovare in qualsiasi vivaio. La Dracaena ha degli incredibili riflessi rossastri ed è una pianta perfetta per pulire l’aria e per rimuovere tutte quelle molecole che rendono l’aria nociva. Cresce dai 30 cm in su ed è bene tenerla sempre in uno spazio tale per cui possa crescere liberamente e senza problemi.

8. Cactus di Natale

Questa pianta fa parte della famiglia dei cactus, e quindi ha una manutenzione molto semplice perché come le altre succulente può trattenere massicce riserve d’acqua per tempi molto lunghi, e come il suo nome preannuncia si tratta di una tipologia colorata e vivace, con dei bellissimi boccioli che fioriscono a dicembre. Questo cactus purifica l’aria ed è una pianta perfetta da sistemare in camera da letto. E poi, tra tutte le succulente, questa è particolarmente…bella da vedere!

9. Sansevieria trifasciata

La Sansevieria trifasciata (conosciuta anche con il più semplice nome di Sanseveria) è una pianta da appartamento particolarmente adatta per i piccoli spazi. Le sue foglie sono affusolate e si sviluppano in altezza senza occupare troppo spazio (quindi la pianta è perfetta anche se la vostra camera da letto è di dimensioni modeste). Parliamo di una pianta che ha davvero una manutenzione molto semplice: c’è bisogno di un vaso profondo,  di un po’ di terriccio ben drenato e di annaffiature sporadiche. La crescita della pianta è molto lenta i e i vantaggi sono molti: la Sanseveria riduce la presenza nell’aria di sostanze come il benzene, la formaldeide e il triclo.

10. Pothos

Il Pothos è una pianta piuttosto conosciuta, è originaria delle isole Salomone e cresce in lunghezza fino a 2-3 metri. Anche il Pothos, come quelle che vi abbiamo già presentato, è una di quelle piante che cresceranno bene se disposte in una zona luminosa, ma si tratta di una pianta che si adatta molto bene anche alle zone in cui c’è meno luce. Lo potrete sistemare quindi su mensole e ripiani e da lì lasciarlo pendere liberamente. Note positive: diminuisce la presenza nell’aria di sostanze come il benzene, la formaldeide, il toluene e la xilene.

Ecco qua, adesso che abbiamo sfatato insieme la credenza popolare che vede le piante come qualcosa di nocivo in camera da letto, avete l’imbarazzo della scelta e potrete scegliere le piante che più vi piacciono, quelle che meglio si adattano alla vostra stanza da letto e quelle che si prestano meglio a riempire l’ambiente in base alla grandezza e alla loro crescita.

E ricordate che si tratta per la maggior parte di piante che come caratteristica principale hanno quella di purificare l’aria. Sono quindi particolarmente adatte per pulire l’aria della camera da letto, ambiente particolarmente delicato perché è lì che ci dedichiamo al riposo, ma sono perfette anche in qualsiasi ambiente della casa. In fondo, un po’ ovunque all’interno della casa è importante purificare l’aria che tutti respiriamo. O no? E le piante, in questo, sono delle preziose e importanti alleate. Basta solo conoscerle e prendersene cura nel migliore dei modi!