Che cosa sono le piante annuali? Sicuramente avete già sentito questo nome e magari non vi è chiaro a cosa si riferiscono giardinieri e vivaisti con questa espressione. E allora, per iniziare, facciamo subito chiarezza: molte delle piante che chiamiamo “annuali” in realtà sono piante perenni nelle zone dalle quali questa piante provengono. Una pianta annuale nel vero senso della parola ha un ciclo di vita breve: germina, cresce, poi fiorisce e infine muore nel corso di anno.

Diversi fiori presenti nei nostri giardini in realtà sono piante annuali, come i papaveri, i girasoli e i nasturzi. Questi fiori hanno colori vivaci e foglie che crescono molto in fretta e sono perfetti se volete avere  un bel giardino fiorito.

Diverse specie annuali hanno il lato positivo di riprodursi in modo naturale semplicemente con i loro semi, che verranno poi spostati e trasportati dal vento, per poi fiorire in un nuovo posto l’anno dopo. Le annuali sono piante che, ricordate bene, muoiono in poco tempo dopo che la fioritura è ultimata e devono essere sempre piantate nuovamente ogni primavera.

Fiori come bocche di leoneviole del pensieropetuniegerani e begonie sono, in realtà, piante perenni molto sensibili al gelo, arrivano da zone dai climi caldi e dal momento che vengono coltivate in regioni che hanno temperature diverse da quelle delle zone di origine, si comportano proprio come le piante annuali.

Avere un bel giardino, curato, fiorito e soprattutto colorato, è il sogno di tutti gli appassionati di giardinaggio, fiori e piante, ma per ottenere buoni risultati è molto importante conoscere bene le specie con cui si ha a che fare, soprattutto nel caso delle piante annuali, che sono particolari e con caratteristiche proprie.

Insomma, attorno alle piante annuale ruotano tante informazioni e curiosità che tutti dovrebbero conoscere, per coltivarle al meglio e con il massimo rendimento. Ecco allora tutto quello c’è da sapere.

1. C’è una buona ragione se le piante annuali hanno vita breve

Un esemplare di pianta annuale: fiorisce, produce i semi e muore in un'unica stagione di crescita.

Le piante annuali spuntano, fioriscono, producono semi e muoiono, il tutto in una stagione di crescita, a differenza delle piante perenni che possono vivere per più di due anni. La maggior parte delle piante perenni usa una grande quantità di energia per mantenere l’equilibrio nei loro apparati radicali e talvolta anche a spese della produzione di fiori. Le piante annuali, tra le altre cose, usano le loro risorse per produrre fiori e semi senza contare troppo sulle loro radici, che muoiono alla fine della stagione.

2. Ogni giardino può beneficiare delle piante annuali

Piante annuali in giardino: un ottimo modo per circondarsi di fiori colorati e vivaci.

Facciamo un esempio: se il vostro giardino fosse un palcoscenico, gli attori e le attrici protagonisti sarebbero proprio le piante perenni, mentre le piante annuali sarebbero i personaggi secondari. Quindi pensate a piantare le annuali per riempire magari il vuoto intorno a una pianta centrale, oppure per decorare la zona ai piedi di un arbusto, o ancora per prolungare il periodo di fioritura nel giardino e, ancora, per fornire una fonte di nettare continua per gli impollinatori quando le piante perenni non hanno iniziato la loro fioritura. Le piante annuali vi regaleranno un colore vivace e allegro e una fioritura lunga, e poi sono relativamente poco costose da avviare.

3. Ci sono piante annuali che in realtà sono perenni

Pianta perenne utilizzata come pianta annuale.

Alcune piante perenni, che non sono resistenti in varie zone, vengono utilizzate come piante annuali, come la lantana o la verbena, o ancora le viole del pensiero che sono piante perenni di breve durata solitamente vendute e coltivate come annuali in zone dove il tempo è mite. 

4. Alcune piante annuali si comportano da perenni

Piante annuali che si comportano da perenni.

Il fatto che alcune piante annuali crescano anche l’anno seguente, diciamo la verità, è un vero e gran vantaggio. In questo caso le piante fanno tutto da sole, basta lasciare in pace in giardino, senza ucciderli o sradicarle. Il nasturzio e l’alyssum sono due piante che si comportano esattamente così e infatti sono tra le più apprezzate nei giardini di casa.

5. Alcune piante annuali sono considerate… “prepotenti”

Pianta annuale dai fiori di colore bianco e giallo

Ebbene sì, ci sono alcune piante annuali che possono essere un tantino prepotenti, anche eccessivamente, perché si auto-seminano all’interno del giardino dove possono andare a sostituire anche le piante autoctone. Il Cosmos bipinnatus, per esempio, un fiore originario del Messico, è considerato uno dei fiori particolarmente espansivi in questo senso. La Nigella damascena è un’altra specie considerata “seminatrice dilagante” ma in questo caso può essere facilmente frenata rimuovendo i baccelli prima che esplodano. 

6. Gli insetti impollinatori possono preferire le piante perenni

Insetti impollinatori sulle piante annuali

Nonostante alcune delle piante annuali vantino fiori voluminosi, non tutti i fiori sono allettanti per gli insetti impollinatori. Spesso alcune specie scelte per il giardino sacrificano, per il loro sostentamento, alcuni tratti come il nettare o la fragranza, che viene così considerata di qualità inferiore. Inoltre, gli impollinatori preferirebbero visitare le piante autoctone più adatte all’ambiente locale, e questo è un altro motivo per piantare specie native

7. Alcuni piante annuali si possono coltivare a partire dal seme

Piante annuali che si possono coltivare a partire dal seme.

Esiste una tecnica chiamata “semina diretta” che prevede di piantare i semi nel giardino proprio dove volete che crescano. Insomma, sembra un po’ la scoperta dell’acqua calda, ma vi assicuriamo che questo passaggio ha la sua importanza. I migliori semi per provare questo sistema sono quelli delle zinnie, delle calendule, dei girasoli e dei nasturzi. Inoltre, piantando ogni anno partendo da seme potrete coltivare alcune varietà uniche che i vivai non vendono. E poi, un pacchetto di semi costa decisamente meno di una pianta!

8. Per avere risultati ottimali, piantate al momento giusto

Piante annuali coltivate in vaso.

Le piante annuali dovrebbero trovarsi già nel terreno o nei vasi il più presto possibile dopo essere stati acquistate. E sicuramente è meglio non acquistare piante annuali che esplodono nei loro vasi e non lasciarle diventare troppo grandi perché questo significa indebolire e stressare inutilmente la pianta. Inoltre, quando si scelgono gli annuali nel negozio, cercate sempre le giovani piante che non fioriscono in quanto si acclimateranno meglio nella loro posizione scelta da voi una volta piantate. Infine, annaffiate immediatamente e accuratamente dopo la semina, anche se è prevista pioggia nei giorni seguenti.

9. Le piante annuali hanno fame e sete

Piante annuali con fiori lilla.

Abbiamo detto che è molta l’energia che viene spesa per la fioritura e la fuoriuscita delle gemme, quindi anche se le piante annuali si trovano in un terreno organico, apprezzeranno comunque di essere alimentate ogni mese con un fertilizzante adatto alla specie in questione. Le piante annuali hanno anche sete regolarmente, dal momento che non hanno un apparato radicale profondo e fioriscono meglio e di più se possono attingere alle giuste dosi di acqua. Un suggerimento importante: quando il terreno si presenta asciutto al di sotto di un centimetro sotto la superficie, è tempo di annaffiare!

10.  Le piante annuali hanno bisogno della potatura

Potatura delle piante annuali, indispensabile per garantire loro una buon crescita.

Per incoraggiare e garantire una fioritura continua, le piante annuali hanno bisogno di una bella potatura di routine, e per potatura intendiamo che i fiori dovrebbero essere rimossi soprattutto se si presentano un po’ bruttini. Questo passaggio è fondamentale per le varietà di fiori più vecchie che altrimenti sono costrette a sobbarcarsi anche il peso dei fiori più vecchi. Se le piante annuali sembrano frastagliate e si presentano in modo disordinato, potate pure di qualche centimetro per incoraggiare una crescita nuova e più ordinata e una fioritura abbondante.

Piante annuali: pro e contro

Come in tutte le cose, anche per le piante annuali ci sono pro e contro, i due lati della medaglia, e prima di decidere quali specie avere in giardino è meglio mettere tutti gli aspetti sul piatto della bilancia e valutare quali possono essere vantaggi e svantaggi.

Partiamo dagli aspetti positivi:

  • le piante annuali sono piante per tutti, anche per chi non è esperto di giardinaggio perché richiedono poche attenzioni e cure
  • sono tutte specie versatili che potete coltivare per all’interno di aiuole o dentro contenitori sospesi o vasi
  • potete scegliere tra un’ampia gamma di forme e colori che spaziano dal rosso al rosa, dall’arancione al rosse e dal blu al bianco
  • si adattano bene a tutte le condizioni climatiche e anche all’ombra

E adesso veniamo ai contro:

  • Se le piante perenni crescono di nuovo ad ogni primavera, quelle annuali finiscono il loro ciclo di vita nell’arco di un unico anno. L’anno successivo, quindi, devono esse piantate di nuovo
  • In alcuni periodi, se le condizioni esterne sono molto umide o se le gelate sono tardive, bisogna fare un po’ più fatica per fare fiorire le piante e per farle prosperare in abbondanza. Queste specie possono essere anche colpite da marciumi o da funghi che aggrediscono i fiori, le foglie e le radici
  • Alcune specie, per offrire fioriture abbondanti e foglie dai colori brillanti e sgargianti, richiedono una somministrazione costante di fertilizzanti specifici
  • Nei mesi più caldi, quindi dalla tarda primavera all’estate, le piante annuali richiedono annaffiature, anche giornaliere, per essere mantenute sempre in buona salute e di bell’aspetto. Questo è un aspetto molto importante: non sottovalutatelo!

E voi, avete già deciso su quali piante e fiori puntare questa primavera? Questo periodo di freddo e di inverno è il momento perfetto per progettare, per schiarirsi le idee e per pianificare il giardino per l’estate e per la primavera! Di tempo ce n’è in abbondanza ma per noi, come vi consigliamo spesso, è sempre bene portarsi avanti!